Michael Parks, alla scoperta dell’attore preferito di Quentin Tarantino

Sprazzi di fama, terra bruciata e tarda rinascita. Una prospettiva sulla carriera di Michael Parks, tra gli attori preferiti di Tarantino.

Michael Parks in Kill Bill Vol. 2. Credit to: Miramax Films

Chi è Michael Parks, dove nasce il mito dell’attore più amato da Quentin Tarantino?

Volto squadrato, sguardo profondo e capelli alla pompadour. Tutti attributi chiave della golden age hollywoodiana: gli anni ’50. Una decade dopo, la massiva espansione dell’industria televisiva vedeva ancora tracce estetiche dell’immediato post-guerra americano.

Il western si era efficacemente traslato in salotto con serie ad appuntamento settimanale, e nonostante le voci della beat generation stessero iniziando a mobilizzare la controcultura hippie degli anni 60, la televisione vedeva ancora una fruibilità fondata su quegli ideali che avevano definito l’americanità classica.

In questo panorama di transizione iniziava la sua strada Michael Parks, che molti di voi non conosceranno, ma la cui figura è stato spesso idolatrata dai registi della scuola indipendente degli anni ’90, in primis Quentin Tarantino, con cui ha lavorato negli ultimi anni della carriera.

Biografia di Michael Parks

L’infanzia e l’adolescenza

Michael Parks, all’anagrafe Harry Samuel Parks, nasce il a Corona (California, Stati Uniti) il 24 aprile 1940. Suo padre, Harry Parks, era un giocatore di baseball. Durante la sua adolescenza si guadagnava da vivere saltando da un lavoro all’altro.

Fu infatti impiegato come raccoglitore di frutta, operaio, autista di camion, per poi ritrovarsi a combattere addirittura contro gli incendi boschivi.

Già a 16 anni si sposa con la sua prima moglie, Louise Johnson, con la quale ha una figlia.

Gli inizi

Michael Parks e Ulla Bergryd ne La Bibbia (1966) di John Huston. Credit to: Dino de Laurentis Cinematografica

Parks cominciò il suo percorso nei primissi anni sessanta in ambito televisivo, comparendo in numerose serie tra cui The Detectives, The Real McCoys e Perry Mason. In quest’ultima recitò accanto all’icona Betty Davis, in un episodio intitolato The Case of Constant Doyle. Apparve inoltre in un paio di episodi della Alfred Hitchcock Hour nel 1963.

Debutta finalmente al cinema con Wild Seed (1965), un dramma romantico prodotto da Marlon Brando in cui interpreta Fargo, co-protagonista. La svolta in quanto di considerazione arriva però l’anno dopo, quando interpreta Adamo nel colossal storico di John Huston, La Bibbia, che racconta la storia della genesi.

La consacrazione in tv e l’esclusione da Hollywood

Nel 1969, Michael Parks venne ingaggiato nel ruolo di protagonista nel pilota della serie NBC Then Came Bronson (Dove vai Bronson?), distribuito in Europa come lungometraggio. La serie si estese poi in una stagione singola di ventisei episodi tra il ’69 e il ’70.

In Then Came Bronson, Parks vestì i panni di Jim, un giovane scribacchino di giornali che dopo il suicidio del suo miglior amico Nick, si da alla vita da vagabondo in motocicletta. Nonostante l’iniziale premessa di un personaggio che parte per un viaggio di riscoperta individuale, la maggior parte degli episodi vedeva Jim entrare nella vita di diversi personaggi in un punto di svolta della loro vita, comportandosi come catalizzatore del loro cambiamento.

Il personaggio mantiene quindi un arco narrativo piuttosto inalterato durante tutta la serie, comportandosi come coscienza detta all’auto-esaminazione dei vari antagonisti. Il ruolo lo consolidò all’epoca come una dei volti maggiormente noti e riconosciuti in televisione, nonché un attore di grande talento e naturalezza.

Frame in bianco e nero di Michael Parks in Then Came Bronson

Then Came Bronson segna però anche un punto negativo della carriera di Michael, che dopo vari litigi con i produttori della serie, venne informalmente escluso (blacklisted) dall’industria hollywoodiana per oltre un decennio, durante il quale lavorerà in Canada e in Inghilterra.

La terra bruciata che gli si creò intorno decapitò la sua carriera, che fino a quel momento sembrava incline a farlo diventare uno dei grandi attori del decennio. Secondo Parks Le dispute iniziarono quando i produttori di Bronson decisero di donare al suo personaggio dei tratti comportamentali più aggressivi e violenti su cui non era per niente d’accordo.

L’attore farà il suo ritorno in ambito americano negli anni ’80, saltanto quindi tutta l’epoca della nuova hollywood in cui, visto il suo stile di recitazione della scuola De Niro, Hoffman e company, avrebbe trovato sicuramente successo.

In questo lungo periodo, le uniche possibilità lavorative provennero dall’estero o da registi indipendenti che ammiravano la sua recitazione.

Tra i progetti rilevati troviamo il suo ruolo da protagonista nel piccolo ma sottovalutato film indipendente canadese, Between Friends (1973) di Donald Shebib e l’interpretazione di Bob Kennedy nel dramma autobiografico The Private Files of J. Edgar Hoover (1977). Fu comunque un periodo segnato dalla scarsezza di ruoli da protagonista.

Il Ritorno

Parks in Dal tramonto all’alba (1996) di Robert Rodriguez

Parks torna ufficialmente a lavorare in USA apparendo in 12 episodi di The Colbys, una soap opera che andò in onda per due stagioni (1986-1987), considerata un vero e proprio flop commerciale e critico. Tra gli anni novanta e i duemila però la sua carriera ebbe una peculiare resurrezione.

Alcuni dei maggiori esponenti del nuovo cinema indipendente americano (Kevin Smith, Quentin Tarantino, Robert Rodriguez) che erano cresciuti con riproposte di Then Came Bronson durante gli anni settanta ,avevano nutrito una forte ammirazione per l’attore californiano e furono fondamentali nel dargli una seconda giovinezza. Parks interpretò Texas Ranger Earl McGraw nel film Dal tramonto all’alba (1996) di Robert Rodriguez.

Scritto da Tarantino, lo stesso personaggio fece ritorno nel primo volume di Kill Bill (2003), in una scena in cui lo sceriffo e suo figlio (interpretato tra l’altro da suo figlio biologico James Parks), tentano di ricostruire il massacro nella chiesa dove è stata trovata la sposa.

Parks apparirà anche in Kill Bill Vol. 2 (2004) come Esteban Vihaio, un pappone messicano ottantenne che racconta alla sposa una storia dell’infanzia di Bill. Con Tarantino lavorerà anche in Django (2012) in una breve comparsa nelle vesti di Roy, un minatore australiano.

In un’intervista per Variety del 1997, Tarantino espresse la sua profonda venerazione per l’attore:

É sempre stato uno dei miei attori preferiti al mondo. In Then Came Bronson, Michael dava delle performance alla Brando… la recitazione più naturale che abbai mai visto in televisione.

Per il regista di Pulp Fiction l’utilizzo di Michael rientra in una lunga serie di casting azzardati che ha donato a svariati attori una ripresa di carriera (il cosiddetto Tarantino Boost). Tra i tanti ricordiamo John Travolta, Robert Foster, Pam Grier e David Carradine.

Nel ’97 Michael Parks veste i panni del narcotrafficante Jean Renoult nella serie culto di David Lynch, Twin Peaks.

Riprende il ruolo di Earl McGraw nella stravaganza di Grindhouse (2007), e lavora con Kevin Smith nei film Red State (2011) e Tusk (2014), dove interpreta rispettivamente Abin Cooper, un folle prete che predica l’eliminazione di tutti i peccatori sulla faccia della terra, e Howard Howe, un serial-killer alla Buffalo Bill.

Nel 2007 compare nel capolavoro di Dominik, L’assassinio di Jesse James, nei panni del commissario Henry Craig.

La morte

L’attore è morto il 9 maggio 2017, a 77 anni. A sua richiesta, il corpo venne sotterrato in mare con la sola presenza della moglie. Poco dopo l’annuncio del decesso, Kevin Smith dichiarò attraverso Instagram: Michael è stato, e sarà per sempre, il miglior attore che abbia mai conosciuto.

Il regista di Clerks (1994) sta tutt’ora producendo un documentario sulla vita di Parks chiamato Long Lonesome Highways (dal titolo di una canzone registrata da Michael nel 1970), che partirà dalla sua infanzia da contadino itinerante alla sua resurrezione attoriale negli anni ’90.

Vita Privata

Michael Parks si è sposato quattro volte. Oltre al già citato matrimonio con Louise Johnson, nel 1964 convola a nozze con l’attrice Jan Moriarty, durato solo pochi mesi a causa della tragica morte della donna.

Dal suo terzo matrimonio nacque il figlio James Parks. La quarta e ultima moglie, con cui convogliò a nozze nel 1997, fu Oriana Parks, che gli restò accanto fino alla morte.

L’attore aveva anche un fratello, tragicamente scomparso nel 1968 per annegamento.

Filmografia di Michael Parks

Cinema

  • Febbre sulla città, (1965)
  • Seme selvaggio, (1965)
  • La strada sbagliata, (1966)
  • La Bibbia, (1966)
  • Cominciò per gioco…, (1967)
  • Scadenza tragica, (1973)
  • Gli ultimi giganti, (1976)
  • Sidewinder 1, (1977)
  • Love and the Midnight Auto Supply, (1977)
  • The Private Files of J. Edgar Hoover, (1977)
  • Attacco: Piattaforma Jennifer, (1979)
  • Specchio per le allodole,(1979)
  • The Evictors, (1979)
  • Paese selvaggio , (1981)
  • Il sorriso di Savannah, (1982)
  • Club Life, (1986)
  • French Quarter Undercover, (1986)
  • Spiker, (1986)
  • The Return of Josey Wales, (di qui è anche regista) (1986)
  • Paura in Arizona, (1988)
  • Nightmare Beach – La spiaggia del terrore, (1988)
  • Prime Suspect, (1989)
  • Caged Fury, (1990)
  • Omicidio incrociato, (1991)
  • Il mistero di Storyville, (1992)
  • Out of Control, (1992)
  • Il giustiziere della notte 5, (1994)
  • Stranger by Night, (1994)
  • Sorceress, (1995)
  • Dal tramonto all’alba, (1996)
  • Niagara, Niagara, (1997)
  • L’impostore, (1997)
  • In viaggio verso il mare, (1997)
  • La catena del male, (1998)
  • Dal tramonto all’alba 3 – La figlia del boia,  (2000)
  • The Fighter – Il massacro,  (2000)
  • Big Bad Love, (2001)
  • 13 Moons, (2002)
  • Kill Bill: Volume 1, (2003)
  • Strike Force, (2003)
  • Kill Bill: Volume 2, (2004)
  • Miracle at Sage Creek, (2005)
  • The Listening – In ascolto, (2006)
  • One Night with You, (2006)
  • The Dead One, (2007)
  • Grindhouse – A prova di morte, (2007)
  • Fighting Words, (2007)
  • Grindhouse – Planet Terror, (2007)
  • L’assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford, (2007)
  • Smokin’ Aces 2: Assassins’ Ball, (2010)
  • Red State, (2011)
  • Argo, (2012)
  • Django Unchained, (2012)
  • We Are What We Are, (2013)
  • Tusk, (2014)
  • Blood Father, (2016)

Televisione

  • I racconti del West, 2 episodi (1960-1961)
  • Gli intoccaili, 1 episodio (1961)
  • The Asphalt Jungle, 1 episodio (1961)
  • The Law and Mr. Jones, 1 episodio (1961)
  • I detectives, 3 episodi (1961)
  • Straightaway, 1 episodio (1961)
  • The Dick Powell Show, 2 episodi (1961-1962)
  • The Real McCoys, 1 episodio (1962)
  • Bus Stop, 1 episodio (1962)
  • Gunsmoke, 1 episodio (1962)
  • Target: The Corruptors, 1 episodio (1962)
  • Stoney Burke, 1 episodio (1962)
  • Sam Benedict, 1 episodio (1962)
  • The Gallant Men, 1 episodio (1962)
  • Perry Mason, 1 episodio (1963)
  • Indirizzo permanente , 1 episodio (1963)
  • Ben Casey, 1 episodio (1963)
  • Undicesima ora, 1 episodio (1963)
  • The Greatest Show on Earth, 1 episodio (1963)
  • L’ora di Hitchcock, 2 episodi (1963)
  • Sotto accusa, 1 episodio (1963)
  • Carovane verso il West, 2 episodi (1963-1964)
  • Channing, 2 episodi (1963-1964)
  • Route 66, 1 episodio (1964)
  • Polvere di stelle, 1 episodio (1965)
  • Straniero, film TV (1967)
  • A Hatful of Rain, film TV (1968)
  • Avvocati alla prova del fuoco, 1 episodio (1969)
  • Dove vai Bronson?, 27 episodi (1969-1970)
  • Difesa a oltranza, 1 episodio (1973)
  • Medical Center, 1 episodio (1973)
  • Can Ellen Be Saved?, film TV (1974)
  • Ironside, 1 episodio (1974)
  • The Story of Pretty Boy Floyd, film TV (1974)
  • Uno sceriffo a New York, 1 episodio (1974)
  • Get Christie Love!, 1 episodio (1975)
  • Sulle strade della California, 1 episodio (1975)
  • Baretta, 1 episodio (1975)
  • Bronk, 1 episodio (1975)
  • A tutte le auto della polizia, 1 episodio (1975)
  • Le strade di San Francisco, 1 episodio (1975)
  • Wide World of Mystery, 1 episodio (1975)
  • Ellery Queen, 1 episodio (1976)
  • Perilous Voyage, film TV (1976)
  • Bees: lo sciame che uccide, film TV (1976)
  • Assassinio allo stadio, film TV (1977)
  • Escape from Bogen County, film TV (1977)
  • Un pianto nella notte (Night Cries), film TV (1978)
  • Pepper Anderson agente speciale, 2 episodi (1975-1978)
  • Hunters of the Reef, film TV (1978)
  • Angeli volanti, 1 episodio
  • Raindow, film TV (1978)
  • Fast Friends, film TV (1979)
  • Fantasilandia, 1 episodio (1979)
  • San Francisco Cop, film TV (1980)
  • Turnover Smith, film TV (1980)
  • Dial M for Murder, film TV (1981)
  • Chase – caccia mortale, film TV (1985)
  • I Colby, 2 episodi (1987)
  • Stamp of a Killer, film TV (1987)
  • Un giustiziere a New York, 2 episodi (1986-1988)
  • La signora in giallo, 1 episodio (1989)
  • La guerra dei mondi, 1 episodio (1989)
  • La vera storia di Billy the Kid, film TV (1989)
  • Una vacanza a rischio, film TV (1990)
  • I segreti di Twin Peaks, (1990-1991)
  • Shades of LA, 2 episodi (1991)
  • SeaQuest – Odissea negli abissi, 1 episodio (1993)
  • Hart to Hart: Secrets of the Hart, film TV (1995)
  • The Player, film TV (1997)
  • Walker Texas Ranger, 2 episodi (1997-2000)

Carriera Musicale

Oltre al cinema, per tutta la sua vita Michael Parks ha coltivato una profonda passione per la musica, sfociata in più dischi pubblicati. Di seguito potrete trovare la discografia completa:

Discografia

  • Closing The Gap (1969)
  • Long Lonesome Highway (1970)
  • Blue (1970)
  • Lost & Found (1970)
  • Best Of Michael Parks (1971)
  • You Don’t Know Me (1981
  • Coolin’ Soup (1998)
  • The Red State Sessions (2011)

Fonte: Wikipedia

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com!