Renato Pozzetto vuole il sequel de Il ragazzo di campagna

Al Bologna Nerd Show Renato Pozzetto, intervistato da Yotobi, ha rivelato di star pensando ad un sequel dello storico Il Ragazzo di campagna

Renato Pozzetto, Il ragazzo di campagna
Condividi l'articolo

Renato Pozzetto è uno dei grandi maestri della commedia all’italiana. Uno dei suoi film più noti è certamente Il Ragazzo di campagna, pellicola del 1980 diretta da Franco Castellano e da Pipolo. A quanto parrebbe, a distanza di oramai 40 anni, l’ottantenne attore lombardo vorrebbe la produzione di un sequel di questa storica opera.

La trama del lungometraggio è semplice e indimenticabile. Renato Pozzetto interpreta Artemio, contadino quarantenne che decide di andare a vivere per la prima volta in città alla ricerca di un’occasione di vita migliore. In un possibile sequel, la trama si centrerebbe di nuovo su Artemio, oramai anziano che vive in un palazzo milanese, chiamato Bosco Verticale. L’imponente costruzione è abitata principalmente da miliardari e lo scopo del contadino sarebbe quella di divenire miliardario a sua volta.

A rivelare questa intenzione futura è stato lo stesso Renato Pozzetto, sul palco del Nerd Show di Bologna che si è svolto l’8 e 9 febbraio scorsi, dove è salito insieme a Karim Musa, comico di stand-up e soprattutto Youtuber, conosciuto con lo pseudonimo di Yotobi. Il comico, componente di uno storico duo insieme a Aurelio Punzoni, detto Cochi, ha parlato della sua carriera, della sua vita in generale ed anche di questo progetto che, a quanto pare, gli sta molto a cuore.

LEGGI ANCHE:  Netflix, tutte le novità in uscita a Giugno

Il Ragazzo di campagna è sicuramente uno di quei film che maggiormente sono sedimentati nella cultura popolare italiana. Il celebre monolocale nel quale il mobilio è nascosto in vari scompartimenti è una di quelle gag che quasi chiunque nel Belpaese almeno una volta nella vita ha visto. L’idea di vedere un anziano contadino approcciare al mondo iper tecnologico moderno potrebbe essere interessante.

Voi che ne pensate? Lo vorreste questo sequel.

Leggi anche:

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com