La ridicola tentata rapina al portavalori sulla A1, troppi film fanno male

Questa notte, un gruppo di circa 15 persone ha tentato una rapina ad un furgone portavalori sull'autostrada A1. Tentativo miseramente fallito

Rapina, tre uomini e una gamba
Condividi l'articolo

La batteria di 15 persone che ieri notte ha tentato il colpo gobbo ha probabilmente visto troppi film centrati su piani complessi per compiere la rapina della vita. Infatti sull’autostrada A1 in direzione di Bologna, all’altezza di San Zenone, un gruppo di ladri ha tentato di assaltare un furgone portavalori che conteneva svariati milioni di euro.

Per mettere a segno il piano, nei giorni precedenti al colpo, i rapinatori hanno rubato altre automobili che sono state utilizzate per speronare e bloccare l’enorme furgone da rapinare. Dopo averlo costretto a fermarsi, i ladri hanno posizionato le vetture ai due estremi della carreggiata e le hanno appiccate in maniera tale da chiudere il furgone in due “muri” di fuoco. Successivamente sono stati gettati sull’asfalto migliaia di chiodi per tentare di forare le gomme del mezzo in maniera tale da poterlo rapinare in tranquillità.

Tuttavia l’autista del furgone è riuscito, nonostante uno pneumatico esploso a causa dell’impatto con uno dei veicoli, ad uscire dall’autostrada e trovare riparo in una stazione di servizio dove è stato immediatamente raggiunto dalle forze dell’ordine che lo hanno protetto da qualsiasi tentativo ulteriore di rapina. In questo momento gli agenti stanno tentando di recuperare le varie registrazioni della zona per poter rintracciare i ladri che nel frattempo si sono dati alla macchia. Gli inquirenti pensano si possa trattare di una banda di professionisti anche se, viste le dinamiche ridicole con le quali hanno fallito il loro tentativo di rapina, così tanto esperti non sono sembrati.

LEGGI ANCHE:  Lebron James rompe il silenzio e parla della morte di Kobe Bryant

Fortunatamente nessuno è rimasto ferito nel rocambolesco eventi e gli unici danni che sono stati ravvisati sono quelli che riguardano i mezzi coinvolti.

Leggi anche:

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com per nuovi approfondimenti.