5 film da vedere su Netflix – Gennaio 2020 [LISTA]

Film da vedere su Netflix

Bentornati alla nostra rubrica 5 film da vedere su Netflix!

Netflix è una piattaforma che viene costantemente sottovalutata da parte del pubblico e molto spesso senza alcun tipo di fondamento. Il catalogo infatti, non solo presenta diversi titoli meritevoli, ma anche grandissimi film che son entrati per merito nella storia del cinema. Opere assolutamente da non perdere e lavori che non possono sfuggire ai veri appassionati della settima arte. Una lista di creazioni in grado di spaziare attraverso i generi, gli stili e i target, fornendo sempre il giusto prodotto al pubblico di riferimento. Ecco quindi, 5 film da vedere su Netflix:

1) Silence – Martin Scorsese (2016)

Un viaggio sia metaforico/spirituale che concreto/fisico verso tutto ciò che può dare un significato all’esistenza dell’uomo. Quello stesso obiettivo, in grado di conferire un senso non solo alla materia del film, ma anche alla vita dei suoi personaggi, torna ad essere protagonista indiretto anche in quest’opera di Martin Scorsese. Un lavoro che riversa al suo interno una commistione di culture, credenze e linguaggi per rendere ancora più etereo e mistico il percorso intrapreso dai vari personaggi.

2) Un sogno chiamato FloridaSean Baker (2017)

Un sogno chiamato Florida è un continuo scontro tra sogno e decadenza, tra il mito e l’aspirazione a quest’ultimo. Un contrasto che si ripercuote nel film non solo attraverso i corpi e le vite dei due personaggi più iconici, ma anche per mezzo dell’intera scenografia che le ingloba. Un’opera che accosta volutamente l’idealizzazione con la sua manifestazione, la fisicità e la sua dissacrazione in una commedia drammatica in grado di scaldare il cuore.

3) The FounderJohn Lee Hancock (2016)

The Founder è tutto ciò che si cela dietro ad uno dei più grandi e prosperosi imperi alimentari di sempre. La costruzione, e l’ambiguità in essa, di una delle icone economiche più conosciute, discusse e incisive della nostra epoca, al servizio di una materia filmica che predilige anch’essa un approccio più massificato che ricercato. Un gioco nel gioco che funziona e che, anche grazie a Michael Keaton riesce a rivelarsi accattivante, interessante, terrificante e divertente al tempo stesso.