Martin Scorsese è stato vicino al ritiro, ecco il racconto del regista

Martin Scorsese

Cinema e Martin Scorsese non sono stati sempre un binomio indissolubile. Il regista stava per ritirarsi…

Martin Scorsese ha realizzato una lunga intervista con il blasonato New York Times. Nella quale ha rivelato che c’è stato un tempo in cui ha seriamente considerato di ritirarsi dal fare cinema.

La storia è iniziata con la lavorazione di Casinò del 1995. Scorsese si è trovato a sfidare la casa di produzione che riteneva i tempi di lavorazione troppo lunghi. In seguito, durante la lavorazione di The Aviator del 2004 (dedicato a Howard Hughes) Scorsese non ne poteva più delle grandi case hollywoodiane.

Il regista ha detto:

Le ultime due settimane di montaggio e missaggio [suono] mi hanno fatto pensare che se è questo il mondo in cui si devono realizzare i film, non ne voglio fare più. È come stare dentro un bunker e ritrovarsi a sparare in tutte le direzioni. A quel punto inizi a capire che non stai più parlando la stessa lingua, quindi non puoi più lavorare a delle immagini. 

Netflix ha evidentemente capito lo stato d’animo di Scorsese e lo ha assecondato in tutto e per tutto, sia dal punto di vista del budget che per i tempi di lavorazione. Questi infatti si sono allungati più volte e sono costati milioni di dollari in più al servizio di streaming americano. Il risultato però è davanti gli occhi di tutti con il capolavoro di The Irishman!

Adesso, lontano dal ritiro, Scorsese sta lavorando a Killer of the Flower Moon.

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com per nuovi approfondimenti.