Charlie Sheen ha festeggiato i due anni di Sobrietà

Charlie Sheen
Charlie Sheen

Due anni di totale sobrietà per Charlie Sheen, festeggiati attraverso una storia su Instagram da parte dell’attore e amico Tony Todd. Un traguardo non di poco conto vista la sregolata vita dell’attore, lontano dai set da due anni. L’ultima apparizione è in 11 Settembre: Senza Scampo, nel 2017. Ancor prima, lo troviamo come presidente USA in Machete Kills, film del 2013 diretto da Robert Rodriguez.

L’anno scorso, su Twitter, Charlie Sheen aveva orgogliosamente postato su Twitter una foto della spilla che danno nelle cliniche di disintossicazione. Stavolta non ha festeggiato in alcun modo social questo traguardo ma poco importa. Ciò che conta è ritornare sulla retta via della sobrietà. Soprattutto se si considera una vita a dir poco sregolata.


Tutto ha inizio ufficialmente dieci anni fa, nel 2009, quando Charlie Sheen fu arrestato per abusi domestici nei confronti della sua terza mogli, Brooke Mueller. Al processo si dichiarò colpevole Nel 2015 dichiara alla trasmissione Today di essere sieropositivo dal 2011. Successivamente arriverà una vera e propria pietra dello scandalo, una storia a dir poco surreale.

Nel 2016, Charlie Sheen verrà indagato a causa di un’intercettazione nella quale l’attore di Due Uomini E Mezzo dichiarava di voler uccidere la sua ex compagna Brett Rossi assoldando un sicario. Il motivo di questa decisione era legato ad una denuncia per violenza domestica nonché per aver taciuto circa la sua malattia. Non da meno, la recente accusa di stupro lanciata da Corey Haim.

Visibilmente rinsavito, Sheen ha passato un anno della sua vita a sensibilizzare sulla prevenzione all’HIV per poi andare in una clinica per la riabilitazione. Dalla quale si spera esca nel migliore dei modi.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!