Leonardo DiCaprio risponde alle accuse di Bolsonaro

Leonardo DiCaprio ha risposto alle accuse del presidente brasiliano Jair Bolsonaro tramite una lettera diffusa sui social

Leonardo DiCaprio bolsonaro risposta

L’attore e attivista ambientale Leonardo DiCaprio ha rilasciato una dichiarazione in risposta alle accuse del presidente brasiliano Jair Bolsonaro. Come riportato da “BBC”, l’attore ha dichiarato: “Sebbene valga la pena sostenere chi tenta di salvare la foresta amazzonica, certamente non finanziamo le organizzazioni che sono attualmente sotto attacco. Il futuro di questi insostituibili ecosistemi è in gioco e sono orgoglioso di far parte dei gruppi che li proteggono”.  E ha elogiato il popolo brasiliano “che lavora per salvare il suo patrimonio naturale e culturale”.

Inoltre, WWF ha anche riferito di non aver ricevuto donazioni dall’attore, la cui Fondazione Leonardo Di Caprio si concentra su progetti ambientali. L’accusa di Bolsonaro è stata ridicolizzata dagli avversari. Il senatore Randolfe Rodrigues ha twittato: “Che disperato. Il nostro presidente negligente e incompetente, responsabile di uno smantellamento ambientale senza precedenti, incolpa DiCaprio, ma non il suo stesso governo, che non è in grado di fare un solo passo senza distruggere nulla”.

Di seguito l’intervento integrale di Leonardo DiCaprio accompagnato dagli interventi di Wes Sechrest, fondatore della Global Wildlife Conservation, e quello di Jon Paul Rodriguez presidente della Commissione di sopravvivenza della specie IUCN.

Risposta integrale di Leonardo DiCaprio a Bolsonaro

“In questo momento di crisi per l’Amazzonia, sostengo i brasiliani che lavorano per salvare il loro patrimonio naturale e culturale. Sono un esempio incredibile, commovente e umile dell’impegno e della passione necessari per salvare l’ambiente. È in gioco Il futuro di questi insostituibili ecosistemi e sono orgoglioso di supportare i gruppi che li proteggono. Sebbene meritevole di sostegno, non finanziamo le organizzazioni interessate. Rimango impegnato a sostenere le comunità indigene brasiliane, i governi locali, gli scienziati, gli educatori e il pubblico che lavorano instancabilmente per garantire il futuro di tutti i brasiliani “.

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook Lascimmiapensa.com