Joker, FBI in cerca di possibili minacce sui social

Joker, Joaquin Phoenix, paura, migliori film 2019
Condividi l'articolo

L’FBI ha preso sul serio la minaccia “Joker” e sta cercando di prevenire ogni tipo di minaccia per la sicurezza pubblica

L’FBI sta monitorando i messaggi pubblicati online che ruotano intorno a Joker.

“Mentre la nostra prassi standard è di non commentare specifici lavori di intelligence. L’FBI è in contatto con le nostre forze dell’ordine e con i partner del settore privato per quanto riguarda i post online. Come sempre, incoraggiamo il pubblico a rimanere vigile e a segnalare tempestivamente le attività sospette alle forze dell’ordine.”, questo è quello che ha detto il bureau.

L’agenzia è stata informata di numerose minacce legate al film di Todd Philips, ma, finora, nessuna è stata considerata credibile, hanno detto le fonti al sito americano The Hollywood Reporter.

ABC News ha riferito che da maggio l’FBI riceve segnali su messaggi minacciosi sui social media legati a Joker che chiedono/fomentano sparatorie di massa.

I gruppi online

Un bollettino di intelligence congiunto ottenuto da ABC News ha dichiarato che alcune minacce hanno menzionato il gruppo online chiamato la “comunità dei celibi involontari” o Incels, e un nuovo gruppo “Clowncels.”

LEGGI ANCHE:  Oscar 2020: Joker è il film con più nomination

ABC News riferisce che: “Mentre molti appartenenti a Incel non si dedicano alla violenza, alcuni all’interno della comunità incoraggiano o commettono atti violenti come punizione per aver percepito un illecito sociale”. “Alcuni aggressori dell’Incel hanno rivendicato precedenti sparatorie di massa”.

Il video di ABC News può essere visto a questo link.

Vi ricordiamo che la polizia sarà anche in borghese all’interno dei cinema statunitensi.

In Italia

Per quanto riguarda l’Italia vi ricordiamo che non ci sono state mosse precauzionali della polizia. Soltanto L’UCI Cinemas ha pubblicato un comunicato per vietare l’ingresso nei cinema di maschere o armi giocattolo.

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com per nuovi approfondimenti e non solo.