Le ultime misteriose ore di Jimi Hendrix – Episodio 1

Una morte decisamente misteriosa quella del leggendario chitarrista americano

Jimi Hendrix
Jimi Hendrix

Londra, 18 settembre 1970.

Alle 11 e 45 circa, il corpo di Jimi Hendrix (James Marshall all’anagrafe) giunge esanime al pronto soccorso dell’ospedale St. Mary Abbot’s di Kensington. Secondo il primo referto, il chitarrista americano è morto per soffocamento dopo aver ingurgitato il proprio vomito. Il tutto a causa di un’intossicazione da barbiturici.

Un incidente, dunque. Ma col passare del tempo, la connotazione accidentale dell’accaduto sembra lasciare il posto a trame più fitte: Jimi Hendrix è stato ucciso. Fu Micheal Jeffrey, l’allora manager di Jimi, ad avergli fatto ingurgitare tutte quelle pillole? E perché le testimonianze di Monika Dennemann, ex pattinatrice dell’allora Germania Est e fidanzatina di Hendrix, sono così contraddittorie?

Ripercorriamo insieme la sequenza di eventi accaduti quel 17 settembre del 1970.

Eric Clapton dichiarò di aver visto Jimi in un bar quella sera, ma non si unì a lui. Era con il musicista Meic Stevens.
Apparentemente, Jimi era incuriosito dal fatto che Stevens stesse bevendo Louis St George Borgogna e voleva provarlo. Hendrix stava bevendo una lager o un altro tipo di birra quella sera, e incominciò a versare del vino nella pinta ancora piena. Non si può dire che Jimi non fosse di umore festoso. Monika raggiunse i due. Insieme si avviarono verso la sua auto, per andare ad una festa.

Il racconto di Philip Harvey

Phillip Harvey, figlio di un membro del Parlamento inglese, scrisse una dichiarazione dettagliata descrivendo diverse ore che lui e due amiche trascorsero con Hendrix e Dannemann,. Nella dichiarazione, emersa solo nel 1995 dopo la morte del padre di Harvey, dichiarò che lui e due compagne di sesso femminile, Penny Ravenhill (allora 16 anni) e Anne Day (allora 19 anni), trascorsero circa cinque ore, dalle 17:30 alle 22:40 circa, con Jimi Hendrix e Monika Dannemann a casa di Phillip Harvey, la sera del 17 settembre 1970, la notte prima della morte di Jimi Hendrix. La casa di Harvey era proprio dietro l’ospedale King Edward VI a Beaumont Street.

Phillip Harvey stava guidando nel suo Mustang del 1968 con due giovani e attraenti adolescenti sul sedile anteriore con lui. Le ragazze videro Jimi e lo salutarono, e Jimi fece un cenno con la mano. Si avvicinarono e si misero a chiacchierare. Harvey invitò Jimi a casa sua per un drink e Jimi accettò, ma prima lo seguirono al Cumberland Hotel, dove Jimi doveva ritirare i suoi messaggi. Poi Jimi, con Monika alla guida, seguì Harvey. Harvey descrisse la maggior parte del tempo trascorso con Hendrix come “straordinariamente piacevole”, ma Dannemann era asociale e in seguito divenne violentemente ostile. Quello che segue è un estratto della dichiarazione giurata di Phillip Harvey:

“Con l’eccezione di Monika che, con il passare della serata, mi è sembrata sempre più sconvolta, abbiamo trascorso una serata straordinariamente piacevole. Poi, intorno alle 22:00 Jimi era andato nel guardaroba al piano di sotto. Monika, all’improvviso e senza una ragione apparente particolare, si era alzata e si era precipitata giù per i quattro gradini che conducevano alla sala, passando per il guardaroba. Finì nel cortile gridando mentre se ne andava, “Me ne vado! Me ne sto andando adesso! Ne ho avuto abbastanza! Jimi ovviamente aveva sentito qualcosa uscire rapidamente dal guardaroba, ma non aveva idea di cosa fosse accaduto. Gli spiegai brevemente cosa era successo. Ci guardò in modo molto imbarazzato e alzò le sopracciglia verso l’alto dicendo: “È meglio che vada a vedere cosa c’è che non va.” Poi la seguì in giardino lasciando socchiusa la porta.

Dalla cucina ho potuto sentire Monika gridare a Jimi, anche se le singole parole erano indistinte. A un certo punto, quando le urla di Monika raggiunsero un picco elevato particolarmente prolungato, andai alla porta d’ingresso per vedere cosa stava succedendo. Ero sinceramente preoccupato che le grida forti potessero valermi una denuncia da parte della direzione dell’ospedale King Edward VI, di fronte casa.

Jimi stava semplicemente lì in silenzio, nel cortile, mentre Monika lo aggrediva verbalmente nel modo più offensivo possibile. Mentre mi avvicinavo a loro, ricordo di averla sentita urlare contro di lui:

“Sei un fottuto maiale!”

Li ho interrotti e ho suggerito che sarebbero stato meglio continuare in casa perché non volevo che qualcuno chiamasse la polizia. Ma Monika continuò a gridare contro Jimi, dicendomi con cattiveria di farmi gli affari miei. Tornai in casa, lasciando la porta aperta in modo che potessero tornare in casa, se volevano. L’arringa di Monika su Jimi durò per circa mezz’ora. Andai fuori un’altra volta per cercare di placare le acque, ma le urla di Monika erano così forti che decisi di non interferire di nuovo. Jimi sembrava notevolmente calmo. Vista la cattiveria del linguaggio di Monika, la violenza nella sua voce e la sua postura avevo paura che le urla potessero sfociare in un episodio di violenza. Ma Jimi mi sembrava un uomo in forma e probabilmente abbastanza capace di prendersi cura di se stesso. In fondo, li avevo appena incontrati e non conoscevo dettagli sulla loro relazione.

Alle 22:30 circa Jimi tornò da solo e entrò nella sala dove Penny, Anne e io ci stavamo ancora chiedendo cosa sarebbe successo dopo. Si scusò sinceramente per il comportamento di Monika e disse che era molto imbarazzato. Non sapeva davvero cosa le fosse preso, ma ovviamente aveva bevuto troppo. Aggiunse che Monika si rifiutava di tornare in casa e che, poiché non poteva abbandonarla, avrebbe dovuto andarsene con lei. Si complimento con me, dicendomi che la mia casa era tra le più belle che avesse trovato a Londra e che ci sarebbe tornato sicuramente quando sarebbe ritornato dagli Stati Uniti, qualche settimana dopo. Se n’è andato con Monika alla guida della macchina. Monika stava ancora urlando a Jimi mentre se ne andavano e non mi disse una parola. Erano circa le 22:40″.

Le dichiarazioni di Dannemann

Jimi Hendrix
Monika Dannemann e Jimi Hendix

Dannemann dichiarò che dopo l’incontro con Harvey, Anne e Penny, lei e Hendrix andarono nella sua suite al Samarkand Hotel. Ma altri sostengono che sia andato a una festa a casa di Peter Cameron, molto presto, dopo la visita a Harvey. Jimi Hendrix non portò Monika con sé presumibilmente perché c’era la sua fidanzata americana di lunga data, Devon Wilson.

Alla festa c’erano anche Stella e Alan Douglas, Angie Burdon, moglie di Eric, leader di The Animals, e molti altri. Gli amici alla festa dichiararono che Jimi era venuto, aveva mangiato cibo cinese, ed era molto tranquillo fino a quando Dannemann iniziò a chiamarlo al citofono. Le disse di ritornare in albergo, ma lei si ripresentò 30 minuti dopo. Questa volta fu Stella a rispondere al citofono e fu estremamente scortese con Monika.

In poco tempo, ricordò Angie, gli ospiti erano appesi fuori dalla finestra urlando a Monika. Gridarono, “Vaffanculo” e “Lascialo in pace”. Eppure Dannemann insistette, entrò nell’ascensore e salì alla festa. Erano circa le tre del mattino, secondo Angie Burdon. Ciò potrebbe aver fatto arrabbiare ancora di più Dannemann dal momento in cui Jimi era rimasto così a lungo ad una festa in cui non era benvenuta. In effetti era stata ridicolizzata, insultata e maledetta. Dopo questa festa, Jimi e Monika tornarono al Samarkand Hotel.

Termina qui la prima parte sulla misteriosa morte di Jimi Hendrix.

Leggi anche:
Woodstock: perché è stato il più importante festival musicale di sempre
L’uomo dietro la chitarra – 10 curiosità su Les Paul

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.