Greta Thunberg nel nuovo album dei The 1975

L'icona della lotta al cambiamento climatico sarà l'ospite d'onore nel nuovo album

Greta Thunberg

Greta Thunberg apre l’album con un monologo sulla crisi climatica

Quale modo migliore, per rendere più forte e pervasivo un messaggio, di affidarlo alla musica? Quale modo migliore, per far uscire la propria musica dal recinto di un certo tipo di ascoltatori, di tirare in ballo un tema d’attualità molto sentito?

Ecco perché Greta Thunberg nel nuovo album dei The 1975 è una giocata vincente per tutti. La band britannica ha annunciato il prossimo album Notes On A Conditional Form con l’intro: un monologo dell’attivista svedese su una base strumentale di accompagnamento. Greta non canta, ma parla della crisi ecologica e climatica, sottolineando come la situazione richieda contromisure immediate. Nel finale spiega che ormai non basta più che ognuno faccia del  proprio meglio e che sia necessario cambiare le leggi attuali. “Ora è il tempo della disobbedienza civile. Ora è tempo di ribellarsi”.

I The 1975 in ogni loro album inseriscono una traccia intro strumentale con lo stesso nome della band. In Notes On A Conditional Form, il brano The 1975 è il monologo di Greta. Il primo singolo ufficiale dell’album uscirà invece ad agosto, il giorno prima dell’esibizione al Reading Festival. Il progetto dovrebbe contenere 22 tracce in tutto e sarà pubblicato interamente ad inizio 2020 (forse febbraio). Matt Healy ha dichiarato che avrà uno stile simile all’hip-hop alternativo dei The Streets e alla musica elettronica di Burial.

Leggi anche: Rita Pavone su Greta Thunberg: “Sembra un personaggio da film horror”

Continuate a seguirci sulle nostra pagina Facebook ufficiali, La Scimmia sente, la Scimmia fa.