Netflix, calano gli abbonati ed è disastro in borsa

peggiori serie originali Netflix
Condividi l'articolo

Il colosso streaming Netflix sembra essere in caduta libera

17 miliardi di dollari sono stati cancellati dal capitale di Netflix. Ciò avviene dopo aver mancato gli obiettivi prefissati sul numero di nuovi abbonati e prima di perdere una serie di show chiave. Il crollo si è tenuto in sole 24 ore nella giornata tra mercoledì e giovedì. Le azioni sono crollate del 10.3% passando a un valore di 325,21 dollari per azione. È il peggior calo registrato in 3 anni e i 17 miliardi di dollari in meno di capitale rappresentano il più grande calo di un solo giorno nella storia di Netflix.

I guai per Netflix arrivano dopo l’annuncio di aver registrato solo 2.7 milioni di nuovi utenti nell’ultimo trimestre (aprile-giugno 2019), contro i 5.2 previsti. Gli investitori sono stati anche spaventati dall’ammissione di Netflix di aver perso clienti negli Stati Uniti per la prima volta in otto anni, con un calo di 126.000 unità.

LEGGI ANCHE:  "The OA" rinnovata per una seconda stagione

Le cause, secondo gli analisti, sono da ricercare sia nell’aumento di prezzi, sia nel mancato rinnovo dei diritti di alcune serie importanti (Netflix perderà a breve i diritti per Friends), sia per la mancanza di nuove proposte interessanti. Inoltre, c’è da considerare che sul mercato americano (e non solo) stanno arrivando nuove piattaforme di streaming in concorrenza come Disney+, HBO Max, NBC Universal. Ognuno delle quali toglierà i propri show da Netflix per averli in esclusiva.

La ripresa in questo nuovo trimestre potrebbe arrivare dall’arrivo di serie importanti come Stranger Things, La casa di carta, Orange is the new black e Mindhunter. Le novità del mese di luglio le potete consultare nella nostra guida.

Adesso, Netflix ha 151,6 milioni di abbonati nel mondo.

Scriveteci cosa ne pensate della serie e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com.