Il lato positivo: 5 curiosità sul film con Bradley Cooper e Jennifer Lawrence

Il lato positivo, la commedia drammatica con Bradley Cooper e Jennifer Lawrence, è una pellicola che sorprende per l'interpretazione dei suoi protagonisti. Ecco alcune curiosità legate a questo film!

Il lato positivo

Se oggi siamo abituati a veder recitare insieme Bradley Cooper e Jennifer Lawrence, lo dobbiamo sicuramente al film Il lato positivo, e al suo regista David O. Russell per aver scoperto la fantastica alchimia che lega questi due attori.

Uscito nel 2012, questo film – il cui titolo originale è Silver Linings Playbook – è l’adattamento cinematografico del romanzo L’orlo argenteo delle nuvole di Matthew Quick.

La storia racconta le vicende di Pat (Bradley Cooper), un uomo sconfitto dalla vita che, dopo aver sorpreso la moglie con un altro e aver trascorso 8 mesi in un istituto psichiatrico a causa di un disturbo bipolare, incontra Tiffany (Jennifer Lawrence) una misteriosa e stravagante giovane donna, nonché vedova. Lui è determinato a riconquistare la moglie, e lei si offre disponibile ad aiutarlo. In cambio, però, gli chiede di fare una cosa per lei molto importante: partecipare in coppia a una gara di ballo.

Scena del ballo in Il lato positivo

A una prima lettura, la trama potrebbe sembrare insipida. E forse in realtà lo è. Ma non è nell’idea del plot che si nasconde il vero punto di forza di questa pellicola. Il merito della buona riuscita va sicuramente alla recitazione del cast – in cui spicca anche il nome di Robert De Niro – e in particolare alla mirabolante interpretazione di Jennifer Lawrence – Premio Oscar 2013 come migliore attrice protagonista.

Sono molte le curiosità legate a questo film, alcune davvero sorprendenti. Vediamole insieme.

Bizzarre traduzioni

Come ben sappiamo, paese che vai traduzione del titolo che trovi. È così che l’originale Silver Linings Playbook – tradotto in italiano Il lato positivo – è diventato My Boyfriend Is a Psycho (non è uno scherzo!) in Russia e Love You Like Crazy in Thailandia.

Leggi anche: Le 15 peggiori traduzioni di film dalla lingua originale a quella italiana.

Ballerini si diventa

Durante un’intervista, Jennifer Lawrence ha affermato di essere una terribile ballerina, e che tutto ciò che vediamo sullo schermo è frutto di un intenso programma d’allenamento durato molte settimane. Ha aggiunto anche che, al contrario di ciò che si vede nel film, tra i due è Bradley Cooper il più portato per il ballo.

Allenamento in Il lato positivo

Rabbia repressa

In un’intervista, il regista David O. Russell ha rivelato uno dei principali motivi per cui ha scelto Bradley Cooper: guardando i suoi film, aveva notato che a volte l’attore dava come l’impressione di voler reprimere un forte sentimento di rabbia. E proprio questa sua capacità sarebbe stata perfetta per interpretare il personaggio di Pat.

Lacrime impreviste

Uno dei momenti più toccanti di tutto il film è rappresentato sicuramente dalla scena in cui Pat Sr. (Robert De Niro) dice a Pat Jr. (Bradley Cooper) che avrebbe voluto essergli stato più vicino. In quella scena, Pat Sr. si commuove. Ma quelle lacrime non erano previste in realtà dalla sceneggiatura. Robert De Niro quindi improvvisa, come solo un grande attore sa fare.

Roberti De Niro in Il lato positivo

Una lunga fila

Prima di optare per Jennifer Lawrence, altre attrici di fama mondiale erano state prese in considerazione per interpretare il ruolo di Tiffany nel film Il lato positivo. Tra queste, la canadese Rachel McAdams, candidata all’Oscar nel 2016 come migliore attrice non protagonista per Il caso Spotlight. La statunitense Rooney Mara, che ricordiamo in pellicole come Effetti Collaterali, Lei e The Social Network. E Kirsten Dunst, dai più conosciuta come Mary Jane Watson in Spider-man.

E tu, conosci altre curiosità su questa commedia drammatica? Lascia un commento e continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per nuovi approfondimenti.