Kamasi Washington – Nuovo album a giugno

Condividi l'articolo

Kamasi Washington: Heaven and Earth uscirà il 22 giugno 2018.

Torna Kamasi Washington, uno dei più famosi artisti jazz della contemporaneità. Presso il grande pubblico il sassofonista Losangelino è noto per le sue collaborazioni. Flying Lotus, Kendrick Lamar (To Pimp a Butterfly, e ci siamo capiti), Thundercat e Run the Jewels sono solo alcuni nomi. Presso il pubblico jazz Washington è noto come nuova grande promessa del jazz, al fianco di Stephen Bruner (Thundercat) e Cameron Graves. Hanno cominciato tutti insieme in un album che già dal titolo dice tutto: Young Jazz Giants (2004).

Kamasi Washington 2

Dopo alcuni album di passaggio, The Proclamation (2007) e Light of the World (2008), già eccezionali, Washington approda nel 2015 a The Epic. Con poche eccezioni, il miglior album jazz di questo decennio. Quasi tre ore di musica, dall’hard bop al soul, dal funk alla fusion, in un gigantesco dizionario di tutto ciò che di meglio la musica jazz ha prodotto nella sua storia.

LEGGI ANCHE:  Primavera Sound 2018 – Top 10 dei migliori artisti del weekend

Segue, nel 2017, un EP molto schivo, rispetto ai toni “epici” di The Epic: Harmony of Difference, che mostra influenze latine. Oggi, ecco l’annuncio tanto atteso del seguito di The Epic. Il nuovo doppio album, intitolato Heaven and Earth, uscirà il 22 giugno 2018.

Kamasi Washington 3

Come Kamasi Washington ha spiegato, le due metà dell’album rappresentano due differenti rappresentazioni del mondo: “La terra rappresenta il mondo all’esterno, di cui faccio parte; il paradiso rappresenta il mondo all’interno, che fa parte di me“.

L’album è stato già anticipato da due “singoli”, se tali si possono chiamare, vista la durata. The Space Travelers Lullaby, dal lato “Heaven” del disco, è una digressione celestiale e armoniosa, che lascia spazio a serene improvvisazioni.

https://open.spotify.com/track/3C9Zbwm1AxCMFDqvyuBQQj

Fists of Fury, dal lato “Earth” del disco, è invece molto più calda, frenetica, veloce, e non disdegna, ancora, derive latine ed interventi vocali soul. Entrambi i singoli si troveranno nella nostra playlist di aprile, che vi consigliamo di non perdervi.

LEGGI ANCHE:  10 album alla scoperta di Miles Davis [ASCOLTA]

https://open.spotify.com/track/1Etl6q0mmPV60TtOCD0uch

Fonte: “www.spin.com”