Il giudizio di Christopher Nolan su Blade Runner 2049

Christopher Nolan, grande appassionato di Blade Runner, parla di 2049, sequel diretto dal regista canadese Denis Villeneuve.

Christopher Nolan parla di BR2049.
Condividi l'articolo

Come si reagisce quando un amore lungo una vita si presenta sotto una veste nuova?

In una recente intervista, a Christopher Nolan, candidato ma non vincente ai Golden Globes col suo Dunkirk, è stato chiesto di esprimersi riguardo Blade Runner 2049, sequel diretto da Denis Villeneuve del capolavoro di Ridley Scott.

Il regista si è sempre dichiaranto grandissimo estimatore della pellicola dell’82. Ha ammesso di essere cresciuto col poster del film in camera e di aver divorato il VHS almeno un centinaio di volte. Blade Runner, per Christopher Nolan, era una vera e propria ossessione.

In una passata intervista, il regista ha dichiarato di essersi fortemente ispirato al lavoro di Scott nella realizzazione del suo Batman Begins:

“Da un punto di vista pratico, Blade Runner è uno dei film di maggior successo di sempre, grazie al modo in cui ha plasmato una realtà impiegando il set. In Batman Begins, contrariamente a Il Cavaliere Oscuro, siamo stati costretti a dover fisicamente costruire in larga parte la città di Gotham. Per questo ho preso spunto dal trattamento visivo elaborato da Ridley Scott, per riprendere il tutto in modo tale da farlo percepire come autentico e non come un imponente ricostruzione. Abbiamo studiato il suo utilizzo della pioggia, della macchina da presa, dei grandangoli…”

Christopher Nolan ha dichiarato di aver cercato di riprendere lo stile del suo maestro, soprattutto nell’utilizzo della pioggia, cercando, al contempo, di omaggiarlo.

LEGGI ANCHE:  Denis Villeneuve ed Eric Roth al lavoro sul reboot di Dune di David Lynch

Proprio in virtù del suo amore per Blade Runner, non ci stupisce che un giornalista gli abbia chiesto un’opinione riguardo il film di Denis Villeneuve. Ecco la risposta del regista:

“L’ho visto ed è stato un vero piacere. Amo Denis Villeneuve. Ha intrapreso coraggiosamente quella che non ha perso tempo a definire una missione suicida, sviluppando il sequel di un’opera gigantesca di cui anch’io sono un grande appassionato. Vedendolo ho pensato che avesse fatto un ottimo lavoro. Sono riusciti a girare un grande film. Bisogna ammirarli per questo.”

La conversazione si è poi spinta oltre, tanto che al regista è stato chiesto se avesse mai pensato di dirigere un sequel dell’opera:

“No, mai. Ci sono film che si trovano su un piedistallo così alto che provare a raggiungerli con un sequel sarebbe troppo complesso. Bisogna trovare il modo di aggirarli. Ad esempio, come direbbero molti, Interstellar è un film molto in dialogo con 2001: Odissea nello spazio. Devi trovare la tua strada”.

Gli elogi di Christopher Nolan per Villeneuve seguono di qualche mese quelli del regista canadese per lo stesso Nolan. Se volete approfondire, troverete QUI le dichiarazioni di Villeneuve, estratte dalla conferanza stampa a cui abbiamo partecipato anche noi (QUI il resoconto completo). Troverete invece QUI la nostra rencesione di Blade Runner 2049.

LEGGI ANCHE:  I 10 film più filosofici di sempre

Che ne pensate delle dichiarazioni di Nolan? Fatecelo sapere nei commenti!