I migliori 10 film di fantascienza vintage italiana

Condividi l'articolo
L’ultimo uomo della Terra (1964), di Ubaldo Ragona/Sidney Salkow
film di fantascienza italiani
Film di fantascienza italiani
Nato grazie a una co-produzione italo-statunitense, il film è il primo adattamento del romanzo Io sono leggenda (1953), nonché il più fedele. La razza umana è stata spazzata via a causa di un’epidemia che ha trasformato tutti in vampiri. Lo scienziato Robert Morgan (Vincent Price) è l’unico superstite della Terra. Egli è così è costretto a organizzare una resistenza: di notte rimane in casa con in mano aglio e specchi, di giorno gira per la città in cerca di generi di prima necessità.
L’ultimo uomo sulla Terra è un grande B-movie, reso tale grazie alla fotografia di Franco Delli Colli, ma anche all’interpretazione di Price.

 

Terrore nello spazio (1965), di Mario Bava
film di fantascienza italiani
Film di fantascienza italiani
Un pianeta sperduto nella galassia attira su di sé le astronavi grazie al ferro. Sul pianeta, delle entità immateriali uccidono gli astronauti per trafugarne i corpi e prendere il loro posto. Nel frattempo, un naviglio spaziale cerca di scoprire il mistero.
Che Mario Bava sia stato un grandissimo regista non lo sappiamo di certo adesso. Ma molti faticano a concepire Terrore nello spazio come uno dei più grandi sci-fi di sempre, ma si tratta di un appellativo che gli spetta di diritto. Non solo perché molti registi, tra cui Nicolas Winding Refn, hanno dichiarato di adorarlo, ma in particolare per ciò che il film ha saputo fare anni dopo la sua uscita. Infatti, le influenze su cult successivi come Alien (1979) sono innegabili. Dalla struttura della trama, ai rapporti tra i personaggi, passando per le atmosfere e le singole inquadrature.
LEGGI ANCHE:  Diabolik: Manuel Agnelli ha composto la colonna sonora