Hugh Hefner, fondatore di Playboy è morto

È stata una delle icone del secondo '900. Hugh Hefner ridefinì i concetti di sensualità e sessualità fin dal 1954, quando fondò Playboy.

Condividi l'articolo

Hugh Hefner aveva 91 anni ed è morto Mercoledì notte circondato dalla famiglia a casa sua. Con Playboy fece sognare milioni di uomini in tutto il mondo ridefinendo i concetti di sessualità e cercando di non risultare “blasfemo” in quel periodo.

Hugh Hefner è stato molto probabilmente una delle icone più importanti e controverse del secondo ‘900.

Quando fondò la sua rivista lo fece con l’intenzione di sfidare a muso duro quell’atteggiamento puritano che da anni impazzava negli States. Molte star di Hollywood sono state le sue playmate che, attraverso la finestra della sua rivista sono riuscite ad emergere. Partì con la sua rivista nel lontano 1953, impegnando i mobili di casa e chiedendo prestiti agli amici per poterlo mandare in stampa. La prima playmate scelta da Hugh Hefner fu proprio lei, la belissima e formosa Marylin Monroe. Tra le tante apparizioni del giornale, anche la bellissima Jenny (Robin Wright) posò per una foto su Playboy per una foto nel film Forrest Gump di Robert Zemeckis.

LEGGI ANCHE:  Brad Grey è morto. Addio al produttore de I Soprano

Questo slideshow richiede JavaScript.

Hugh Hefner, come si può immaginare, ebbe una vita sentimentale un po’ burrascosa. Ebbe 3 mogli e arrivò a convivere con ben 7 donne, scegliendole a quanto detto tra le playmate del mese. La sua residenza, chiamata The Playboy Mansion, è stata uno dei luoghi più segreti ed esclusivi di tutto. Hugh Hefner ci ha tenuto moltissime feste che hanno intrattenuto mezzo mondo.

“coloro che acquistano Playboy solo per le donne ricevono ben poco in cambio del loro denaro.”

Questo slideshow richiede JavaScript.