I 10 Batteristi più influenti dell’era moderna

Migliori Batteristi
Condividi l'articolo

Generalmente sono i membri della band che meno vengono notati. Certamente, però, il loro lavoro non è secondo a nessun’altro. Sono i batteristi.

Solitamente la loro funzione è quella di accompagnare gli altri elementi della band. Fornire il ritmo e tenere il tempo senza, necessariamente, attirare troppa attenzione.

Questo è effettivamente il lavoro del batterista, l’accompagnamento. Non tutti i batteristi, però, nel corso del tempo si sono limitati a questo.

Qui faremo una classifica dei 10×2 batteristi che più hanno influito all’evoluzione di questo affascinante strumento e che ne hanno saputo padroneggiare i tecnicismi. Questa top 10 sarà leggermente diversa: tutte le posizioni saranno occupate da 2 batteristi che, seppur di generi differenti, hanno una forte similitudine ed hanno contribuito alla storia dello strumento.

Insomma, una classifica tutta speciale. Cominciamo!

10) Lars Ulrich | Ringo Starr

Batteristi Lars - Ringo

Vi chiederete cosa ci incastra Lars Ulrich con Ringo Starr. Sebbene abbiano visto la gloria in momenti storici differenti, in generi differenti i due hanno almeno due aspetti che li accomunano. Nessuno dei due è rinomato per la sua tecnica eccelsa nello strumento (e siamo stati buoni, sopratutto con te, Lars)ma entrambi sono l’anima della band in studio.

LEGGI ANCHE:  "Bono ha plagiato I Pinguini Tattici Nucleari", l'attacco del web [ASCOLTA]

Sono entrambi imputabili quali parte integrante del sound delle loro rispettive band.

Ulrich è praticamente il genio della lampada a disposizione dei Metallica per ogni loro Studio-Session: praticamente il sound dei Metallica, sui dischi, è quel che è grazie a Lui. Ringo, dalla sua, ha reso la batteria una parte caratteristica di ogni canzone dei beatles, tanto quanto i riff di chitarra o basso.  A tal proposito, Steve Smith, ha descritto le sue parti di batteria “talmente Signatures che puoi riconoscere una canzone dei Beatles, semplicemente suonandone la parte di batteria” e scusate se è poco.

9) Dave Lombardo | Mike Mangini

Batteristi Lombardo - Mangini

Mike Mangini e Dave Lombardo hanno, invece, molto in comune ma una dote spicca su qualsiasi altra: la velocità.

Mangini vede la sua arte spostata più verso sfere progressive mentre Lombardo è l’emblema dell’heavy. Entrambi riescono a raggiungere velocità quasi irraggiungibili per la maggior parte dei comuni mortali e con una precisione di esecuzione sbalorditiva.

Fast & Furious!

LEGGI ANCHE:  Morto Neil Peart, il batterista dei Rush: aveva 67 anni

8) Keith Moon | Alex Van Halen

Batteristi Moon - Halen

Keith Moon ed Alex Van Halen, oltre ad aver militato in band storiche hanno un forte segno particolare che li accomuna. Entrambi hanno rivisto e riadattato uno dei pezzi della batteria suonandolo in un modo, per l’epoca, inusuale.

Moon ha reso la dignità dovuta ad un pezzo, fino ad allora, utilizzato come mero contorno: L’Hi-Hat (o Charleston se preferite). Utilizzato fino a quel momento come ostinato nel groove, con Moon diventa parte integrante e creativa del groove stesso, attribuendo sentimento e dinamica a tutto l’insieme. E poi faceva saltare per aria tutto!

Alex Van Halen ha utilizzato, invece, la doppia cassa (o doppio pedale, che tra l’altro è stato inventato e portato in auge proprio da Moon) in modo altrettanto creativo. La sua cassa sincopata è trascinante ed in pezzi come ‘Hot For The Teacher‘ trascina l’intera band, riuscendo persino a distrarre l’attenzione dalle prodezze del fratello. Insomma, con lui la cassa ha preso realmente vita ed è diventata parte ancor più attiva del groove!