Immaculate, la Recensione dell’horror con Sidney Sweeney

immaculate, recensione, sydney sweneey
Condividi l'articolo

Un gradito e grandissimo ritorno, quello di Sidney Sweeney che, in coppia nuovamente con Michael Mohan dopo The Voyeurs, arriva sul grande schermo con Immaculate – La Prescelta, un horror molto interessante e (finalmente) spaventoso. Sacro e profano che si mescolano inesorabilmente e che generano una nuova meravigliosa e biondissima scream queen.

Sebbene tutto possa far sembrare che il film si riveli un inesorabile flop, o che comunque l’effetto deja vu possa dominare le sensazioni, possiamo ampiamente affermare che si tratta di un mero partito preso. Immaculate – La Prescelta vi lascerà di stucco, soprattutto grazie all’ultima sequenza da brividi.

Immaculate – La Prescelta, la Trama

Cecilia è una giovane novizia che dagli Stati Uniti volta fino in Italia per prendere i voti e diventare sposa di Dio. Entra quindi in un convento molto particolare, dove la sua vocazione verrà messa a dura prova da misteri con risvolti a dir poco particolari e soprattutto molto inquietanti.

Immaculate – La Prescelta, la Recensione

Siamo nell’era in cui gli horror si dividono in due grandi macro categorie. Da un lato, quelli di atmosfera e metaforici, solitamente targati A24. Dall’altro, quelli di rapido consumo, coerentemente con il concetto di pop corn movie, targati solitamente Blumhouse. Capita però ogni tanto l’eccezione, che si colloca in una linea mediana che si interseca con le due macro categorie di cui sopra che di fatto viaggiano come rette parallele. In quest’ottica, Immaculate – La Prescelta si propone come grande eccezione.

Non solo jump scare, non solo grandi metafore dalle sfumature quasi blasfeme. Michael Mohan non si presta a dirigere un banale horror, l’ennesimo che vede coinvolte donne con l’abito talare, che poi si rivelano portatrici di demoni o streghe che adorano il Diavolo in gran segreto. Non c’è nulla di tutto ciò in Immaculate – La Prescelta.

Il film sceglie una linea non banale, facendosi carico di tutto il rischio che comporta il voler dirigere un horror oggigiorno. Tra paragoni col passato mascherati da omaggi, spesso scadenti, e passi molto più lunghi della gamba, che scadono nell’essere fortemente pretenziose, la regia di Mohan di districa molto bene in questo sentiero fatto di grandissime insidie.

LEGGI ANCHE:  Lone Ruin: una sorpresa nel mondo degli indie roguelite

immaculate, recensione, scena finale

Complice soprattutto la bravura della bionda protagonista, Sidney Sweeney, Immaculate – La Prescelta riesce nel compito non certo banale di scioccare lo spettatore, confezionando un costante crescendo verso un finale che non può che lasciare lo spettatore con la bocca aperta. Soprattutto con un piano sequenza che sarà il culmine di un film che difficilmente vi dimenticherete.

Attingendo a piene mani da un immaginario comune, quello del cattolicesimo, Mohan divide il film in tre parti uguali. Tre atti, numero di certo non casuale, come spiegato anche dalle didascalie  che introducono ogni capitolo, e che non sveleremo per evitare di incappare in noiosissimi spoiler, preservando chi vuole vedere i trailer. Questo perché i colpi di scena non son certo pochi, anzi.

Ogni cosa ha un suo senso specifico, in Immaculate – La Prescelta. Nulla è lasciato al caso, a partire dal titolo. Mohan si prende i suoi tempi, alle volte anche gestendoli non in maniera propriamente ottimale, ma la scelta è chiara sin da subito: in prima istanza, l’atmosfera è ciò che viene caricata fino allo sfinimento. Il convento cambia faccia sin dalle prime scene del film. Non è un luogo dove la normalità è di casa, in altre parole.

Come in un film di Dario Argento, Immaculate – La Prescelta parte subito all’attacco, mostrando tutta la sua ferocia che però non verrà mantenuta per gran parte della parte centrale del film. Mohan preferisce battere due strade, alternandole sapientemente, quella del jumpscare, sempre dosati e mai banali, e quella delle atmosfere da brividi, presenti nella pressoché totalità del film.

LEGGI ANCHE:  Shazam! La recensione dell'ultima novità del DC Extended Universe

Proprio questo è un grandissimo pregio in quanto Immaculate – La Prescelta ha la capacità di accontentare sia l’amante dell’horror più sofisticato, sia quello che gradisce il classico mix di jump scare e splatter. Perché di sangue ce n’è parecchio, così come di riflessioni molto profonde e interessanti, come quello del ruolo della donna del cattolicesimo.

immaculate, sidney sweeney

Camminando in equilibrio sul filo della blasfemia, Mohan regala primi piani simbolici, ora profondamente sacri, ora profondamente blasfemi, andando di fatto a decostruire con violenza l’immaginario cattolico dal quale attinge a piene mani. Tra una Sweeney vestita a festa come una Madonna prima e come una bestia sanguinaria poi, bisogna lottare con la propria suscettibilità per evitare lo sguardo indignato. Ma per essere fan dell’horror, bisogna anche essere pronti a tutto.

Suor Cecilia, la nostra protagonista, diventa un vero e proprio corpus filmico, oggetto di manipolazioni inflitte e autoinflitte, di sguardi ossessivi, tanto dalle telecamera quanto di chi la circonda. Invidiata, elogiata, odiata, usata. Nessuno la considera come donna ma come mero oggetto, fino al consueto ribaltamento dei ruoli che andrà di fatto a spezzare ogni catena che la tiene costretta ad una vita voluta ma ben lontana dal libero arbitrio sperato.

Immaculate – La Prescelta porta con sé un sottotesto politico e sociale di fortissimo impatto, capace di entrare nello spettatore e di lasciarlo riflettere anche dopo il momento di shock presente sul finale del film. Un finale che non dimenticherete facilmente. Ciò è stato possibile sia grazie alla regia di Michael Mohan, che all’interpretazione di Sidney Sweeney, un dinamico duo che speriamo di vedere ancora insieme. Se il buongiorno si vedere dal mattino, non possiamo che essere fiduciosi per un loro eventuale terzo film insieme.

Cast

  • Sydney Sweeney: Suor Cecilia
  • Alvaro Morte: Padre Sal Tedeschi
  • Benedetta Porcaroli: Suor Gwen
  • Giorgio Colangeli: Cardinal Franco Merola

Trailer

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per restare sempre aggiornato