Megalopolis, Coppola parla da Cannes del suo film

Durante la conferenza stampa a Cannes, Francis Ford Coppola ha parlato del suo Megalopolis

megalopolis
Condividi l'articolo

Francis Ford Coppola parla di Megalopolis a Cannes

Seguiteci sempre anche su LaScimmiaPensa e iscrivetevi al nostro canale WhatsApp!

In questo momento è in corso il Festival del Cinema di Cannes dove è stato presentato Megalopolis, nuovo film di Francis Ford Coppola con protagonisti Adam Driver e Nathalie Emmanuel (qui il trailer). Il grande regista, durante la conferenza stampa di presentazione ha parlato della situazione del cinema attuale dicendo:

Temo che l’industria cinematografica sia diventata sempre più una questione di persone assunte per far fronte ai propri debiti perché gli studi cinematografici hanno grandi, grandi debiti. E il lavoro non è tanto fare buoni film, il lavoro è assicurarsi che paghino i loro debiti – ha detto Coppola in risposta a una domanda di Variety. Ovviamente, le nuove aziende come Amazon, Apple e Microsoft hanno un sacco di soldi, quindi potrebbe darsi che gli studi che conoscevamo da così tanto tempo, alcuni meravigliosi, non saranno più qui in futuro

Il giornalista ha anche virato sul piano politico, chiedendo a Coppola se il film fosse un commento su Donald Trump, spingendolo a condividere i suoi pensieri sullo stato attuale della politica statunitense.

LEGGI ANCHE:  La toccante storia d'amore tra Meryl Streep e John Cazale

Uomini come Donald Trump non sono al momento al potere, ma nel mondo si sta verificando una deriva verso una tradizione più neo-destra, addirittura fascista, il che è spaventoso perché chiunque sia stato vivo durante la Seconda Guerra Mondiale ha visto gli orrori che hanno avuto luogo posto e non vogliamo che ciò si ripeta. Quindi, ancora una volta, penso che sia il ruolo dell’artista, dei film, quello di far luce su ciò che sta accadendo nel mondo.

Ciò che sta accadendo in America, nella nostra repubblica, nella nostra democrazia, è esattamente il modo in cui Roma perse la sua repubblica migliaia di anni fa. La nostra politica ci ha portato al punto in cui potremmo perdere la nostra repubblica. L’America è stata fondata sulle idee della repubblica romana. Noi non volevamo un re, Roma non voleva un re, quindi hanno inventato una nuova forma di governo chiamata repubblica con il Senato e con la legge romana e con tutte le cose che abbracciamo

Anche se ha iniziato a sviluppare Megalopolis già negli anni ottanta, Coppola sostiene che l’analogia è diventata più lungimirante solo negli ultimi anni.

LEGGI ANCHE:  CEO Disney dice che i blockbuster permettono ai film d'autore di esistere

La mia sensazione era quella di realizzare un’epopea romana ambientata nell’America moderna, e non avevo idea che la politica di oggi l’avrebbe resa così rilevante

Che ne pensate? Curiosi di questo Megalopolis?