Ethan Hawke: “Non capisco perché i giovani non guardano più film”

Hawke
Condividi l'articolo

Ethan Hawke attacca i giovani sulla loro scarsa cultura filmica: “Preferiscono guardare qualche serie tv uscita ieri e che non ricorderanno”

Ethan Hawke si esprime su quello che per lui è uno scarso interesse dimostrato dai giovani e giovanissimi nei confronti del cinema. In quanto attore navigato e protagonista di diversi film cult, l’attore dice la sua senza mezzi termini: “La cosa che non capisco dei giovani – e questo mi fa suonare vecchio – è perché non guardano più film“.

“Voglio dire, sono perfettamente disposti a fare binge watching, per settimane della loro vita, qualcosa che conoscono è davvero super ok, e Criterion Channel è proprio lì. Insomma, potrebbero guardare Badlands [La Rabbia Giovane di Terry Malick, 1973] mentre parliamo”, sostiene Hawke.

E insiste: “Non sanno chi è [Rainer Werner] Fassbinder e non sanno chi è Éric Rohmer e non sanno chi è [Akira] Kurosawa. Pensano di essere moderni e non hanno visto Do the Right Thing [Fa’ la Cosa Giusta di Spike Lee, 1989]. Mi prendi in giro? Sta sul tuo dannato telefono, guardalo! Ma peferiscono guardare qualche serie tv uscita ieri e che non ricorderanno”.

LEGGI ANCHE:  Black Phone, la Recensione del thriller-horror con Ethan Hawke

“Dico tutto questo non per suonare irritato… ma c’è così tanta eccellenza nel passato, così tanti di questi pensieri su tutto ciò che attraversiamo emotivamente e su ciò che cerchiamo – autenticità nelle nostre vite, e guarigione – tutti questi fili comuni di umanità di cui la gente ha parlato per secoli”, continua Hawke.

“Il cinema è una forma d’arte giovane ma è vecchia di 100 anni ora [circa 130, ndr] e ci sono tanti grandi lavori, dai quali puoi copiare [rip it off] come un pazzo. Ma mi stupisco sempre di come i giovani che dicono: ‘Amo i film e voglio fare più film’ in realtà non guardino film“. Che ne pensate, siete d’accordo con lui?

Fateci sapere la vostra su LaScimmiaPensa e sul nostro canale WhatsApp