Rocco Siffredi incontra Alisa Toaff a Le Iene [FOTO]

rocco siffredi, alisa toaff
Credits: Le Iene
Condividi l'articolo

Rocco Siffredi e Alisa Toaff si chiariscono

Qualche giorno fa vi abbiamo parlato di come la giornalista dell’Adnkronos Alisa Toaff avesse denunciato Rocco Siffredi per molestie (qui i dettagli). A seguito di quell’evento, la donna ha rilasciato un’intervista a Repubblica per spiegare l sua verità (qui i dettagli). A chiudere la vicenda sono arrivare Le Iene che, attraverso l’inviata Roberta Rei hanno organizzato un incontro chiarificatore tra i due.

ISCRIVETEVI AL NOSTRO CANALE WHATSAPP

Ci siamo insomma chiariti – dice la Toaff. Siamo stati male io e sua moglie, insomma. È stato un errore, è umano. Io voglio precisare: Rocco non mi ha mai toccata fisicamente. A me quello che mi ha spinto a denunciare sono stati gli ultimi due vocali, li ho trovati gravi, sessisti e comunque denigranti nei confronti di me stessa, sia come professionista che come donna. Sono stata male perché sono stata attaccata dagli hater, sono stata attaccata dagli insulti antisemiti che non c’entravano niente, li avete letti no? Rocco è una persona forse istintiva, simpatica e quei due insulti però mi hanno veramente ferita e allora mi sono arrabbiata. Punto

A queste parola Rocco Siffredi ha risposto dicendo:

Senti, più che dirti che tutto dipende dalla mia testa, può darsi che sia instabile, può darsi che come hai detto tu sia depresso, può darsi che abbia dei problemi, ma non mi va di curarmi, non mi va di prendere antidepressivi perché penso di essere più forte della depressione, è la verità. Però evidentemente qualcosa non va e quindi la cosa migliore da fare è fare un passo indietro, cercare di ritrovare me stesso. Maleducazione, il non rispetto, ma soprattutto il problema più grande è che ho fatto, con un insulto, due insulti: ho fatto male a due donne perché mia moglie è stata male

A questo punto il pornodivo prima dà un calcio e poi una manata contro il muro in preda all’ira e poi si chiude in bagno per piangere. Infine lo sfogo in lacrime:

LEGGI ANCHE:  Rocco Siffredi sogna Arisa: "È sexy, vorrei fare un film con lei"

Perché sono un coglio*e. Mia moglie è la persona più importante che ho. Vedere i miei figli che dicono “Papà sei un coglio*e. Quando lo capisci che ti amiamo? Quando lo capisci?” Vedere mia moglie è così, perché e tu…Io non so come spiegare. Io non ho inventato la serie, la serie è la mia vita. Ho avuto problemi con la famiglia, non riesco a raccontare altro che la mia vita. È mi dispiace vedere quello che ho combinato a te e quello che ho combinato a mia moglie e ai miei figli

Lei ha totalmente ragione e basta – prosegue Siffredi. È vero che ho detto che Borghi mentre faceva sesso non mi rappresentava e te lo ripeto, non è… Ma l’ho detto anche a lui. Perché è come se io avessi detto “Ma io per 40 anni cosa ho fatto vedere? Perché non riusciamo a far vedere il motivo per cui ho fatto sto lavoro qua?” Perché mi piace il sesso. Io mi sono arrabbiato quando tu hai detto che vado sul set per sfogarmi. Quella roba lì mi ha fatto male perché è come se io sentissi che per 40 anni ero un malato di sesso. Io t’ho mandato quel vocale esclusivamente perché dentro di me ero estremamente confuso. E dicevo ‘Ma perché mi hai tradito? Perché? Perché mi scrivi questa roba? Hai bisogno di vendere due articoli più?’ Io la vedevo così

Infine è arrivato un dialogo tra i due:

LEGGI ANCHE:  Rocco Siffredi denunciato da una giornalista per molestie

La cosa che mi ha spinto è stato il messaggio e l’insulto alla mia professionalità – dice lei.

Hai fatto bene – risponde lui.

Da persona non abituata a quelle offese sinceramente io le ho trovate denigranti e sono donna – prosegue la Toaff.

Io…Non so di che parliamo perché t’ho chiesto scusa dopo dieci secondi e ti chiedo scusa ancora oggi dopo una settimana, dieci giorni quello che sia – risponde dispiaciuto Rocco Siffredi.

Per me è finita, ti sto solo spiegando. Io ti dico che per me è passato tutto, si vede che sei proprio…Quindi capisco che hai capito l’errore. Basta – ribadisce la giornalista.

Questo l’ho capito all’istante però purtroppo. Non ero nella condizione – ribadisce il pornodivo.

Lui ha capito che siamo stati male tutti, io e la moglie, io pure sono stata molto male, lui l’ha capito, ha ammesso tutto. Per me si risolve qui, ci siamo chiariti. Mi ha chiesto scusa, io accetto le scuse per me finisce qui la questione. Voglio essere chiara, mi dispiace pure per tua moglie che ci è finita di mezzo. Io so che stata male perché mi sono trovata improvvisamente sbattuta sui giornali – conclude la Toaff.

Quest’anno sono 30 anni di matrimonio e 15 anni fa le ho fatto questo giochino e quest’anno per festeggiare i 30 anni l’ho rifatto. Vedi? – conclude infine Rocco Siffredi

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa