Neuralink mostra il primo paziente con chip cerebrale

Neuralink ha pubblicao un video per mostrare i progressi del primo paziente che ha ricevuto un chip cerebrale

neuralink
Credits: X / Neuralink
Condividi l'articolo

Neuralink svela i suoi successi!

Neuralink, la startup di chip cerebrali di Elon Musk, ha pubblicato un video sui propri social per mostrare il primo paziente a cui è stato impiantato un chip che usa la mente per giocare a scacchi online. Si tratta di Noland Arbaugh, 29 anni, rimasto paralizzato dalla spalla in giù dopo un incidente subacqueo. Nel video lo si vede chiacchierare con un’ingegnere della Neuralink intento a svolgere la sua partita di scacchi sullo schermo. L’impianto mira a consentire alle persone di controllare il cursore o la tastiera di un computer utilizzando solo il pensiero.

ISCRIVETEVI AL NOSTRO CANALE WHATSAPP

L’intervento è stato semplicissimo. Sono stato dimesso dall’ospedale il giorno dopo. Non ho disturbi cognitivi. Avevo praticamente smesso di giocare a quel gioco – ha detto Arbaugh, riferendosi al gioco Civilization VI. Voi tutti (Neuralink) mi avete dato la possibilità di farlo di nuovo e ho giocato per 8 ore di fila.

Elaborando la sua esperienza con la nuova tecnologia, Arbaugh ha affermato che “non è perfetta” e che “si sono verificati alcuni problemi”.

Non voglio che la gente pensi che questa sia la fine del viaggio, c’è ancora molto lavoro da fare, ma mi ha già cambiato la vita – ha aggiunto.

Kip Ludwig, ex direttore del programma di ingegneria neurale presso il National Institutes of Health degli Stati Uniti, ha affermato che ciò che Neuralink ha mostrato non è stata una “svolta decisiva”.

Siamo ancora nei primissimi giorni dopo l’impianto e c’è molto da imparare sia da parte di Neuralink che da parte del soggetto per massimizzare la quantità di informazioni che può essere ottenuta – ha detto .

Ciononostante, Ludwig ha affermato che è stato uno sviluppo positivo per i pazienti il ​​fatto di potersi interfacciare con un computer in un modo che non era possibile prima dell’impianto. 

LEGGI ANCHE:  Elon Musk sull'esperimento umano di Neuralink: "Per ora, le cose sembrano positive"

È sicuramente un buon punto di partenza – ha concluso

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa