La Nasa diede 1 miliardo ad un uomo per fermare un asteroide

nasa
Condividi l'articolo

Qualche anno fa la Nasa ha avviato una missione per impedire l’estinzione del genere umano

Spesso nei film vediamo storie di asteroidi killer e di geniali scienziati della Nasa che cercano di fermarlo. Pensiamo, ad esempio ad Armageddon di Michael Bay o a Don’t Look Up di Adam McKay. Tuttavia, a volte, queste cose accadono per davvero. Qualche anno fa infatti gli scienziati hanno scoperto con un diametro pari all’altezza dell’Empire State Building, chiamato Bennu, era diretto verso la Terra.

Si tratta dell’ asteroide potenzialmente pericoloso mai conosciuto, lontano circa 4,6 milioni di miglia dall’orbita terrestre. Gli esperti hanno stabilito che esiste una probabilità su 2.700 che Bennu colpisca Terra tra gli anni 2175 e 2199. Sebbene dunque siamo ancora lontani nel tempo, non hanno potuto di certo ignorarlo.

Di conseguenza, la NASA ha lanciato una missione da 1,16 miliardi di dollari per impedire sostanzialmente all’asteroide di schiantarsi sulla Terra, con l’esperto spaziale Dante Lauretta al timone. Questi ha dichiarato al Mail Online:

LEGGI ANCHE:  Cristopher Lloyd nel cast di Senior Moment

Nel 2011, la NASA mi ha assegnato un miliardo di dollari. La missione ha comportato non solo l’invio di un veicolo spaziale sull’asteroide, ma anche il trasporto di un pezzo di esso sulla Terra.

Nel 2016, la NASA ha lanciato la sua navicella spaziale OSIRIS-REx per viaggiare verso Bennu. È arrivato sull’asteroide nel 2018 e ha raccolto un campione di rocce e polvere dalla superficie nel 2020. Il campione è tornato sulla Terra l’anno scorso, rivelando reperti “incredibili” provenienti da un asteroide “pericoloso” .

È stata la prima missione spaziale americana a raccogliere un campione da un asteroide. Lauretta ha detto che si trattava di “un’occasione per determinare se dobbiamo prepararci al disastro”.

Ma cosa accadrebbe se Bennu si schiantasse sulla Terra? Lauretta ha risposto dicendo:

Per certi aspetti, la Terra difficilmente registrerebbe un evento del genere: l’orbita e l’asse rimarrebbero imperturbati. Sotto altri aspetti, probabilmente più pertinenti, per cui le conseguenze sarebbero devastanti.

L’impatto dell’atterraggio di Bennu creerebbe un’esplosione “equivalente a 1.450 megatoni di TNT”, quasi tre volte più potente dell’energia totale spesa durante tutti i test nucleari nel corso della storia. Lascerebbe un cratere largo quattro miglia e profondo mezzo miglio. Scatenerebbe un terremoto di magnitudo 6,7, che creerebbe venti 20 volte più potenti di un uragano di categoria 5. Vicino alla zona dell’impatto, “le case residenziali verrebbero rase al suolo, [e] i pochi sopravvissuti sarebbero determinati dalla posizione e dalla fortuna casuale”. E se ciò non bastasse, Lauretta ha detto:

LEGGI ANCHE:  Gravity: secondo la NASA è la fantascienza "più inaccurata di sempre"

Le rocce più grandi che Bennu ha fatto volare avrebbero le dimensioni di edifici di 16 piani. In seguito, interruzioni di corrente, carenza di cibo e acqua e interruzioni delle comunicazioni durerebbero mesi poiché la regione rimarrebbe inaccessibile.

Terrificante.

Seguiteci su LaScimmiaPensa