Nosferatu: Willem Dafoe ha girato con 2000 veri topi

Eggers ha raccontato di come, nel suo Nosferatu, Willem Dafoe ha girato una scena con 2000 topi veri

nosferatu
Condividi l'articolo

Il 25 dicembre 2024 arriverà al cinema Nosferatu, prossima trasposizone del celebre vampiro ad opera di Robert Eggers. Il cast vedrà protagonisti Bill Skarsgard e Lily-Rose Depp e con loro ci saranno Willem Dafoe che interpreta un cacciatore di vampiri che caccia il non morto conte Orlok. Una delle scene che lo vede protagonista è ambientata in un cimitero e presenta migliaia di veri ratti.

Quella sequenza, oltre ad avere fiamme vere, aveva 2.000 ratti veri, il che è stato impegnativo ma anche divertente – ha detto Eggers a Entertainment Weekly

Eggers ha anche lodato la performance del protagonista Skarsgård, che ha lavorato con un insegnante d’opera per abbassare la voce di un’intera ottava per il ruolo.

A parte i suoi occhi, è difficile trovare Bill – ha detto Eggers. Sto cercando di non rivelare troppo, ma Bill si trasforma totalmente in qualcosa di davvero unico. La gente penserà che sia tutta manomissione digitale, ma lui si è impegnato. Sono davvero entusiasta di vedere cosa penserà il pubblico del Conte Orlok di Bill Skarsgård.

Willem Dafoe ha in precedenza detto a IndieWire che lavorare con Eggers è un’esperienza che migliora ad ogni iterazione (questa sarà la terza collaborazione col regista ndr). 

LEGGI ANCHE:  Le 10 migliori interpretazioni di Willem Dafoe [LISTA]

Diventa sempre meglio, sempre più bravo, diventa più articolato, più esperto. Ho visto alcune riprese mentre stavamo girando e posso dire onestamente che, visivamente, era diverso da qualsiasi cosa avessi mai visto. L’aspetto e il modo in cui è stato girato erano straordinari.

Del suo ruolo, Dafoe ha detto che interpreterà “un personaggio tipo Van Helsing, ma non esattamente. Quindi in qualche modo è fedele alla fonte, ma in qualche modo è anche inventato. Non so cos’altro dire!” 

Nel cast di Nosferatu ci saranno anche Nicholas Hoult, Aaron Taylor-Johnson, Emma Corrin e Simon McBurney.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa