One Piece, lo showrunner spiega i cambiamenti fatti

Parlando con Games Radar, Steven Maeda, showrunner di One Piece, ha parlato dei cambiamenti fatti nella serie rispetto al manga

One Piece
Condividi l'articolo

One Piece, serie live action che adatta il celeberrimo manga e anime creato da Eiichirō Oda (qui la nostra recensione) è lo show del momento. I fan di tutto il mondo stanno amando l’adattamento fatto di una delle opere più famose di sempre. Tuttavia, com’è ovvio che sia, per motivi vari gli autori hanno dovuto cambiare alcune cose. A tal proposito lo showrunner Steven Maeda, parlando con Games Radar, ha spiegato cosa lo ha portato a compiere alcune scelte.

Otto episodi televisivi non equivalgono a 100 capitoli di manga. E quindi sicuramente doveva esserci qualche modifica da fare. È un adattamento. Se lo fai 1:1, non ha senso. Detto questo, ci sono momenti 1:1 nello show che secondo noi dovevano essere il più possibile simili a un manga. E poi ci sono stati momenti in cui ci siamo presi qualche libertà nella speranza che sembrasse come se fosse successo davvero in One Piece, anche se non era successo esattamente così nel manga.

Quindi sì, Oda era molto supponente, molto provocatorio e ci chiedeva costantemente: “È quello One Piece?” Ed è stato davvero interessante per gli scrittori e i produttori imparare One Piece da lui e dal materiale originale, ma poi anche vederlo tradotto in tutti i nostri capi dipartimento mentre entravamo in produzione, perché è una curva di apprendimento davvero ripida. per capire cosa è One Piece e cosa non lo è. E spero che abbiamo capito bene. Ma è stato sicuramente una sfida per tutti e sento che ce l’abbiamo fatta.

La prima cosa da fare per me era capire come lo avremmo strutturato, perché se abbiamo otto episodi per raccontare una storia, è molto diverso dai capitoli del manga che non hanno necessariamente lo stesso tipo di arco narrativo ed emotività incorporati che abbiamo negli otto episodi. Abbiamo apportato un paio di modifiche e alcune cose aggiuntive che aiutano ad aumentare il senso di pericolo, aiutano ad aumentare la posta in gioco, aiutano l’emozione. Il modo in cui ad esempio abbiamo realizzato flashback per tutti, ed ero molto entusiasta di fare flashback per tutti, anche se è stato molto costoso farlo. Ma penso che ripagherà

Ci sono due cambiamenti che mi sono davvero piaciuti e per i quali ho lottato molto duramente. Il primo è stato portare avanti l’inseguimento dei Marine con Garp, Koby e Helmeppo, e coinvolgere quei personaggi che non ritornano realmente nella storia fino al capitolo 300 circa del manga, inserendoli nella storia per farli sembrare che ci fosser i Marine alle calcagna che li inseguivano.

E poi, ci ha anche dato l’opportunità di raccontare la versione davvero carina della storia di Garp e Rufy in cui riveliamo a metà stagione: “Oh mio Dio, quello è il nonno!” E poi vedere il parallelo Koby/Rufy in cui uno cerca di essere il miglior marine possibile e l’altro cerca di essere il miglior pirata possibile. È stato davvero un bel parallelo nella storia che semplicemente non si trovava esattamente nei 100 capitoli.

Direi che la seconda cosa di cui sono molto orgoglioso è aver creato così Arlong e aver lasciato che fosse il grande cattivo della prima stagione, quindi quella stagione sembra avere una struttura che inizia e finisce col Viaggio nell’East Blue. Ma questo si lega anche ad Arlong come antagonista e avvolge anche la storia di Nami in un modo che ripaga davvero magnificamente alla fine della stagione.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  One Piece: il mashup con Aldo, Giovanni e Giacomo è geniale

Seguiteci su LaScimmiaPensa