Full Metal Jacket: una scena tagliata mostrava dei marines giocare a calcio con una testa umana

Condividi l'articolo

C’è poi il culmine del film, quando tutti gli amiconi marine si precipitano all’assalto di un cecchino che li mette a terra uno dopo l’altro, solo per poi scoprire che è una donna e freddarla senza ripensamenti una volta disarmata. Quando Joker la uccide si guadagna la nomea di vero duro, e tutti poi marciano tra le macerie cantando la canzone di Mickey Mouse.

Insomma, è questo il film di cui parliamo. Nessuna sorpresa quindi nel venire ad apprendere di una scena tagliata dal contenuto altrettanto ironico ma se possibile ancora più disturbante. Una scena che ovviamente è irreperibile oggi, ma della quale l’esistenza è nota: una scena di una partita di calcio.

Niente di sconvolgente fin qui, se non fosse che durante questa partita tra i marine si veniva a scoprire che tra i loro piedi veniva calciato non un pallone, ma una testa umana. La testa di un vietcong, presumibilmente (e quindi ovviamente morto), usata per un semplice gioco come un oggetto.

LEGGI ANCHE:  Full Metal Jacket - La guerra secondo Kubrick

Una scena forse ritenuta troppo forte, forse eccessivamente cinica. Fatto sta che è stata esclusa dal montaggio finale del film. Per il 1987 forse sarebbe stata un po’ estrema (anche se già allora il cinema aveva raggiunto e superato ben altri limiti), ma forse vedendola ripristinata oggi non ci sconvolgerebbe allo stesso modo. O sì?

Fonte: Screen Rant

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa