Nicolas Cage: “Ho ricordi dell’utero materno”

Parlando con Stephen Colbert, Nicolas Cage ha rivelato di avere ricordi che lo portano fin dentro l'utero materno

Nicolas Cage
Condividi l'articolo

Nicolas Cage è uno degli attori più longevi al mondo. Con una carriera lunga oramai da oltre 4 decenni, ha preso parte a centinaia di film. Nel corso di tutto questo tempo ha rilasciato decine e decine di dichiarazioni quantomeno bislacche. Recentemente, ospite di Stephen Colbert, ha parlato della sua vita privata, spiegando di avere ricordi che lo portano fin dentro l’uterno materno.

Ascolta, so che suona come un ricordo molto lontano e non so se sia reale o no, ma a volte penso di poter tornare indietro nel tempo fino all’utero e sentirmi come se potessi vedere delle facce nell’oscurità, o qualcosa di simile

So che suona fortemente astratto, ma in qualche modo mi sembra che che sia accaduto veramente. Ora che non sono più nell’utero, mi viene da pensare che forse potessero essere le vibrazioni delle voci delle persone a risuonare attraverso di me in quella fase. Non so nemmeno se ricordo di essere stato nell’utero, ma quel pensiero mi è passato per la mente

Andando avanti, Nicolas Cage ha anche condiviso i suoi pensieri sull’aldilà , dicendo:

LEGGI ANCHE:  Marilyn Manson intervista Nicolas Cage: il risultato è delirante

Nessuno lo sa davvero, non lo so. Dicono che l’elettricità è per sempre eterna. Che la scintilla continua. Mi piace pensare che qualunque scintilla stia animando i nostri corpi, una volta che il corpo muore, continui a vivere. Ma se quell’elettricità ha coscienza o meno, chi può dirlo davvero?

Recentemente, parlando con la CBS, l’attore di Renfield ha raccontato di aver dovuto accettare moltissimi ruoli “schifosi” per ripagare un debito di 6 milioni di dollari.

Avevo investito troppo nel settore immobiliare. Il mercato immobiliare è crollato e non sono riuscito a uscirne in tempo – ha detto Nicolas Cage. Li ho rimborsati tutti, ma erano circa 6 milioni. Non ho mai presentato istanza di fallimento. Il lavoro è sempre stato il mio angelo custode. Potrebbe non essere stata una blue chip, ma funzionava comunque. Anche se il film alla fine ERA scadente, sapevo che ci tenevo comunque.

Il solito Nicolas Cage.

Seguiteci su LaScimmiaPensa