GPT-4: ecco 8 cose che può fare come (e forse meglio) degli umani

GPT-4
Una scena dal film I Robot, con Will Smith
Condividi l'articolo

GPT-4 spinge ancora più in là le possibilità delle nuove I.A. generative. Ecco di che cosa è capace

GPT-4 è stata resa disponibile a partire dal 14 marzo 2023, e chiaramente sta già molto facendo parlare di sé e discutere parecchio. Ovviamente ormai questo tipo di tecnologia non interessa più solo appassionati di informatica e di codice, ma un po’ chiunque perché è capace di influenzare qualunque campo lavorativo ed economico.

Alcuni esempi? Li riporta Il Sole 24 Ore, in otto punti che riprendiamo dedicati alle capacità di GPT-4, chiaramente più sviluppate rispetto a quelle di GPT-3. Tra gli esempi viene riportato che: “C’è chi ci ha costruito un sito web a partire da un diagramma scarabocchiato su un foglio. E chi ha creato un videogame tipo Pong in meno di 60 secondi”.

1. Testi di grande lunghezza

GPT-4 può supportare un input che arriva fino a 25mila parole (per fare un confronto, la lunghezza finale di questo articolo corrisponde circa a 600 parole), un grande salto in avanti rispetto alla versione 3.5, che si fermava a 2/3mila parole (compresi segni di punteggiatura e simboli). Questo significa sintesi, rapporti e ri-elaborazioni di tesi anche molto lunghi.

2. Immagini come input

Le immagini possono essere usate come input, unitamente ai testi scritti. Una grande innovazione a fronte della quale GPT-4 dimostra di poter generare lunghi testi di descrizione o usare le immagini stesse come comandi. Per esempio, OpenAI ha dimostrato la possibilità di partire da uno “scarabocchio” del diagramma di un sito web e tradurlo in un sito completamente funzionante in linguaggio Java.

LEGGI ANCHE:  I.A. predice come saranno gli umani tra 1000 anni: le immagini sono agghiaccianti [FOTO]

3. Uso nell’istruzione e nell’apprendimento

Ovviamente ChatGPT viene già usata nell’istruzione, come aiuto per lo studio o anche nella creazione di lezioni vere e proprie per gli studenti. La versione 4 offre possibilità che si spingono ancora più in là: DuoLingo per esempio ha creato un tutor linguistico personale, basato su I.A. e dedicato agli abbonati, che risponde, conversa e fa fare pratica di lingue agli utenti.

4. Decisioni aziendali e feedback dai dipendenti

La società di servizi finanziari Morgan Stanley sfrutta un chatbot interno, basato su GPT-4, per leggere i PDF interni all’azienda e monitorare i suggerimenti di circa 200 dipendenti, che sfruttano il tool regolarmente per fornire feedback sull’attività e cercare migliori soluzioni per il funzionamento dell’azienda.

Leggi anche:

Nothing, Forever: la sitcom digitale scritta da una I.A. e sospesa per una battuta transfobica

5. Assistenti virtuali

L’azienda per pagamenti digitali Stripe ha creato un assistente virtuale che affianchi gli sviluppatori e agisca come uno di loro, analizzando le loro richieste e il materiale tecnico, fornendo soluzioni e sintesi dei siti web. Lo stesso fa Bing, motore di ricerca Microsoft, che (s’è scoperto) utilizzava GPT-4 già prima del rilascio ufficiale.

LEGGI ANCHE:  Le tre Leggi della Robotica di Isaac Asimov, spiegate

6. Semplici videogiochi e intrattenimento

Pierot Schirano, un utente di Twitter, ha creato una sua versione dello storico videogioco dei primordi, Pong, utilizzando proprio GPT-4. Allo stesso modo, un altro utente ha ideato dal nulla un gioco arcade e un terzo è stato in grado di generale una applicazione per sistema iOS. Anche qui, le possibilità sono molto ampie.

7. Attività di polizia e controllo

Chiaramente GPT-4 può essere impostata per esaminare testi alla ricerca di disinformazione, fake news o anche termini che segnalino attività pericolose o potenzialmente illegali. Sfruttata su singoli siti web potrebbe funzionare evidenziando contenuti indesiderati e rendendo la rete più “pulita” (anche se chiaramente l’utilizzo di certi termini in campi come quello della fiction potrebbe creare confusione).

8. Assistenza ai disabili

GPT-4 può essere utile nel venire in aiuto a persone con disabilità, per esempio non vedenti o non udenti, per esempio leggendo i risultati di una ricerca o facendone un riassunto, oppure aiutando l’utente nella navigazione o in attività come lo shopping online. Lo fa con una apposita app per esempio l’azienda danese Be My Eyes.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa