Quando Pedro Pascal era un bandito goth in NYPD Blue [VIDEO]

Pedro
Condividi l'articolo

Pedro Pascal come non l’avete mai visto e come non ve lo sareste mai immaginato: il video più bello che vedrete oggi

Sì, è proprio lui: il nostro buon vecchio Pedro Pascal, all’età di 25 anni, in un episodio della misconosciuta serie tv NYPD Blue andato in onda nel lontanissimo 2001. Prima di The Last of Us, prima di Narcos e anche prima di Game of Thrones qui il nostro Pedro (accreditato come “Alexander”) interpretava… un ragazzo goth.

Nella trama dell’episodio (S08E09, per chi mai volesse recuperarlo) lui e altri due balordi seguaci della sottocultura gothic si fanno coinvolgere in un accoltellamento durante una serata di baldoria. Ovviamente interviene la polizia, quella che presta il titolo alla serie, e il nostro viene sottoposto a una serie di memorabili interrogatori.

Ed è in effetti il suo un personaggio, che si chiama Shane Morrissey detto Dio (…), che subito rimane impresso. Basta vedere come reagisce alle domande dei poliziotti, esprimendo il fiero carattere duro e cinico di un oppositore al sistema e di un convinto seguace di una sottocultura che, per l’epoca (2001) è caratterizzata da una forte impronta ideologica.

LEGGI ANCHE:  Triple Frontier, trailer: Ben Affleck rapina un cartello della droga

Ai tempi dell’episodio, intitolato “Oh, Golly Goth” e andato in onda il 6 marzo 2001 su ABC (in Italia andava in onda su Canale 5) il nostro Pedro aveva solo venticinque anni e aveva esordito in televisione solo da due anni, interpretando sempre ruoli minori come questo e tra gli altri anche uno in Buffy – L’Ammazzavampiri.

Negli anni successivi comparirà a più riprese anche in serie famose come Law & Order ma il vero successo, lo sappiamo, arriverà per lui solo nel ruolo leggendario (e dalla fine ingloriosa) di Oberyn Martell in Game of Thrones. Da allora, l’attore è presenza fissa sui nostri schermi anche con The Mandalorian e ora, più che mai, nella parte di Joel in The Last of Us.

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa