The Last of Us: l’easter egg di Uncharted dell’episodio 2

Nell'episodio 2 della serie di The Last of Us c'è un easter egg ad Uncharted che quasi nessuno avrà notato

the last of us, uncharted
Condividi l'articolo

Attenzione: Articolo contiene Spoiler del secondo episodio di The Last of Us

Su Sky è stato appena rilasciato il secondo episodio di The Last of Us, serie TV HBO basata sul celeberrimo videogioco di casa Naughty Dog (qui la nostra recensione). Sul finale abbiamo assistito al sacrificio di Tess che, contrariamente a quanto accade nel gioco, si suicida per fermare un’onda di infetti dando fuoco al palazzo dove si trova, permettendo così a Joel ed Ellie di scappare. Proprio in quel momento così emotivamente intenso, gli autori hanno voluto omaggiare con un easter egg l’altro grande franchise di casa Nautghy Dog, ovvero sia Uncharted. Come infatti rivelato dalla pagina Twitter ufficiale della Software House, l’accendino col quale Tess appicca l’incendio è lo stesso usato da Sam Drake nel quarto capitolo della saga videoludica, Fine di un ladro.

Fan di Uncharted : L’accendino di Tess dell’episodio di The Last Of Us di ieri sera ha un aspetto familiare? È stato modellato sull’accendino di Sam Drake di Uncharted 4: Fine di un ladro

Questo non è stato tuttavia l’elemento più interessante visto nelle battute finali del secondo episodio. Sul finale vediamo infatti un infetto andare verso Tess e infettarla facendo passare i viticci del fungo cordyceps nella sua bocca in una sorta di bacio mortale. Gli autori, Neil Druckmann e Craig Mazin hanno spiegato a Entertainment Weekly il motivo dell’introduzione di questo nuovo metodo di infezione, inedito rispetto al gioco.

LEGGI ANCHE:  The Last of Us: il significato dietro la sigla della serie [VIDEO]

Queste cose non devono essere violente a meno che tu non si stia combattendo per evitare che l’infenzione si diffonda ulteriormente – ha detto Druckmann. Quello che abbiamo realizzato è stato fatto in questo modo bellissimo, ma orribile per Anna [Torv, interprete di Tess ndr].

Craig ha detto in modo intelligente: “Cosa possiamo fare per separare ancora di più i nostri infetti dagli zombi? È più di un semplice morso. Sta succedendo qualcos’altro” ha detto Druckmann. Vorrei che avessimo quel momento chiarificatore immediatamente, ma abbiamo fatto molti brainstorming su così tante cose diverse che avrebbero potuto fare. Alcune idee erano piuttosto stravaganti.

Che ne pensate? L’avevate notato?

Seguiteci su LaScimmiaGioca