Mamma Ho Perso l’Aereo, Joe Pesci parla di un terzo film

Intervistato da People, Joe Pesci ha parlato della possibilità di girare un terzo film della saga di Mamma Ho Perso l'Aereo

mamma ho perso l'aereo
Condividi l'articolo

Natale si avvicina e dunque per molti sarà il momento di riguardare, come ogni, anno i due film della saga di Mamma ho Perso l’aereo, leggendarie commedie degli anni ’90 dirette da Chris Columbus e con protagonista Macaulay Culkin. I film sono diventati un’autentica pietra miliare grazie al lavoro svolto da tutto il cast, in particolare dai ladri, interpretati da Daniel Stern e il leggendario Joe Pesci. Proprio quest’ultimo, parlando con People, ha aperto, seppur con molte riserve, alla possibilità di vedere un terzo film della saga originale.

Anche se non bisogna mai dire mai, penso che sarebbe difficile replicare non solo il successo ma anche l’innocenza generale degli originali – ha detto. È un momento diverso adesso; gli atteggiamenti e le priorità sono cambiati negli ultimi 30 anni.

Nella stessa intervista Pesci ha anche parlato del suo rapporto avuto con Culkin durante le riprese di Mamma ho Perso l’aereo

Ricordo che Macaulay era un ragazzo davvero dolce e, anche alla sua età, molto professionale. Ho intenzionalmente limitato le mie interazioni con lui per preservare la dinamica tra il suo personaggio, Kevin, e il mio personaggio Harry. Non volevo che si vedesse sullo schermo che eravamo in qualche modo in buoni rapporti. Volevo mantenere l’integrità del rapporto conflittuale

Pesci ha inoltre affermato di aver effettivamente subito un infortunio significativo in una scena memorabile in cui le trappole esplosive di Kevin hanno dato fuoco al cappello di Harry.

LEGGI ANCHE:  Mamma ho Perso l'Aereo e il patto col Diavolo nella Folle Teoria dei fan

Oltre agli urti, ai lividi e ai dolori generali previsti che assoceresti a quel particolare tipo di umorismo fisico, ho subito gravi ustioni in cima alla testa durante la scena in cui il cappello di Harry viene dato alle fiamme. Sono stato abbastanza fortunato da avere stuntmen professionisti che eseguivano le vere acrobazie pesanti

Che ne pensate? Vorreste un terzo capitolo?

Seguiteci su LaScimmiaPensa