Musk: “Via Twitter da Google e Apple? Faccio uno smartphone”

Elon Musk ha minacciato di creare un proprio smartphone nel caso in cui Google e Apple rimuovesser Twitter dagli store

Twitter
Credits: TED / YouTube
Condividi l'articolo

Nuova provocazione lanciata da Elon Musk. Il magnate, dopo aver acquistato Twitter per 44 miliardi di dollari, ha iniziato una rivoluzione nel social del cinguettio che sta portando non poche polemiche e proeccupazioni in giro per il mondo. Per questo motivo si vocifera che Google e Apple stiano pensando di rimuovere l’app dai propri store Android e IOS. Dunque la presentatrice e podcaster politica americana Liz Wheeler ha voluto chiedere al diretto interessato cosa farebbe nel caso in cui queste minacce si avverassero. La risposta piccata di Musk non si è fatta attendere.

Se sia Apple che Google dovessero rimuovere Twitter dai rispettivi app store, Elon Musk dovrebbe sviluppare un suo smartphone – scrive la Wheeler. Metà del Paese sarebbe più che contenta di abbandonarei faziosi e “spioni” Android e iPhone. Quell’uomo costruisce razzi che puntano ad andare su Marte, cosa sarà mai uno smartphone?

Di certo, spero di non dover arrivare a tanto – risponde Musk. Ma sì, se non avessi altra scelta, farei un mio telefono alternativo

Musk sta accusando il colpo a seguito di alcune decisioni impopolari prese alla guida di Twitter. Prima fra tutte quelal che riguarda la nuova politica sulle spunte blu, il mezzo col quale veniva confermata l’identità di una celebrità. Ora posono infatti essere acquistate da chiunque pagando la modica cifra di 8 dollari al mese. Questa decisione sta portando, è vero, ad un amento degli introiti, ma sta, nello stesso tempo, creando diverse situazioni a dir poco assurde (qui l’esempio più clamoroso).

LEGGI ANCHE:  Twitter, mega attacco hacker: violati centinaia di profili da Obama a Gates

Inoltre Musk ha deciso di adare l'”amnistia” a tutti i profili bannati permanentemente da Twitter come quello dell’ex Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, cosa che non è piaciuta a grand parte dell’opinione pubblica.

Voi che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa