Bones and all: Incontro stampa con Thimothée Chalamet e Luca Guadagnino

Dopo l'anteprima mondiale della Mostra del Cinema di Venezia Bones and all di Luca Guadagnino arriva al cinema questo 23 Novembre. Ecco come il regista e il protagonista Thimothée Chalamet hanno presentato il film a Roma.

Bones and all
© 2022 Metro-Goldwyn-Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved.
Condividi l'articolo

Dopo l’anteprima mondiale della Mostra del Cinema di Venezia, dove Luca Guadagnino è stato premiato con il Leone d’argento per la Miglior regia, Bones and all arriva al cinema questo 23 Novembre. Con l’occasione, il regista e il protagonista Thimothée Chalamet hanno presentato il film a Roma alla stampa.

Per la nostra recensione in anteprima di Bones and all, cliccate il link. E nel frattempo, ecco come Thimothée Chalamet ci introduce al personaggio di Lee, un outcast, un reietto affetto da una misteriosa forma di cannibalismo, destinato a innamorarsi di una sua simile, interpretata da Taylor Russell, premiata sempre a Venezia come Miglior attrice esordiente.

“Bones and all è una fiaba sulla solitudine dell’esistere. E al tempo stesso su come sia possibile spezzare questa solitudine quando siamo guardati da un altro.” Ha dichiarato il regista Luca Guadagnino, che aggiunge “Quando fai un film lo fai perché ami i personaggi e ami gli attori che interpretano i personaggi.”

“È una storia d’amore. Siamo nel bel mezzo dell’America di Ronald Regan, negli anni ’80, c’era una promessa di benessere economico che avrebbe dovuto coinvolgere tutti gli americani. Ma abbiamo visto come così non sia stato e in America sono ancora visibili le cicatrici, le ferite che quell’epoca ha lasciato.”

Prosegue Thimothée Chalamet “Queste due giovani persone si innamorano perdutamente perché lottano contro l’isolamento, incontrandosi scoprono di essere degni di amore. Non è tutto rose e fiori però. Sono anche killer, cannibali in fuga dalla legge, e questo rende la storia del loro folle amore ancora più potente.”

“Durante il Covid probabilmente tutte le persone in questa stanza hanno provato un forte senso di isolamento, tagliati fuori dalla società. Tutti ci siamo interrogati su chi eravamo, a quale punto fossimo nel viaggio che è la nostra vita. Anche questi personaggi si sentono rifiutati dal mondo. Questo senso di isolamento è stato importante per interpretare Lee.”

Bones and all. Luca Guadagnino: “Senza Thimothée Chalamet non avrei mai potuto fare questo film”

Bones and all
Luca Guadagnino sul set di Bones and all, al cinema da questo 23 Novembre (PH: © 2022 Metro-Goldwyn-Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved.)

“Ho letto prima la sceneggiatura del romanzo Bones and all di Camille de Angelis, e a pagina 47 appena appare il personaggio di Lee ho capito subito che poteva essere interpretato solo da Timmy. Se lui non avesse accettato non avrei mai potuto fare questo film.” Prosegue Guadagnino, mentre Chalamet torna al loro primo incontro per Chiamami con il tuo nome.

“Non sarei seduto qui senza Call by your name. Luca mi ha dato una carriera. Dopo tanti rifiuti, tanti provini falliti mi ha dato un’opportunità e ha cambiato per sempre la mia vita. Lui per me è un mentore, e continua ad asserlo, siamo grandi amici ed è una figura fondamentale per la mia vita, è elettrizzante averlo vicino, è un rock’n’roller e un vero artista.”

E quando chiedono a Guadagnino se veda i protagonisti come una sorta di X Men, risponde “I protagonisti di questo film sono condannati ad un vagabondaggio e una solitudine inesorabile. Il problema dei personaggi Marvel è che riproducono in una chiave pop fantasmagorica le griglie interpretative date dal mainstream. Sarebbbe bello fare un X Men votato alla profonda differenza dei mutanti.”

E il regista conclude “Per questo film mi sono ispirato soprattutto al cinema di Nicholas Ray. Si tratta del primo film che ho girato interamente in America e non volevo commettere l’errore tipico dei cineasti europei che cercano di tradurre quella vastità e quella complessità attraverso un vernacolo grottesco che ci rassicura rispetto alla nostra idea degli americani.”

Dal canto nostro, noi non possiamo che consigliarvi di non perdere l’emozione incredibile di vedere Bones and all su grande schermo. Si tratta infatti di una fiaba nera e una storia d’amore dalla bellezza perturbante, un horror assolutamente anomalo e fuori da qualunque schema. In parole più semplici, uno dei film più belli dell’anno.

LEGGI ANCHE:  Suspiria di Thom Yorke vuole spaventarci

Bones and all: Trailer ufficiale italiano