Amber Heard ammette: “Ho fatto cose deplorevoli durante il matrimonio”

Parlando con con Savannah Guthrie di NBC, Amber Heard ha ammesso di aver commesso gesti deplorevoli durante il matrimonio

amber heard, il potere dei soldi
Condividi l'articolo

A circa 2 settimane dalla sentenza che ha condannato Amber Heard a pagare 10 milioni di dollari all’ex marito Johnny Depp (qui i dettagli), l’attrice di Aquaman è tornata a parlare in pubblico. Per farlo ha scelto di rilasciare un’intervista con Savannah Guthrie di NBC News. Nella prima parte della chiacchierata, la giornalista ha fatto cenno ad una precedente intervista post-processo fatta con gli avvocati di Johnny Depp. Questi avevano affermato che il motivo per cui pensano di aver vinto è perché la Heard “non si è mai presa la responsabilità di nulla”

Ho fatto e detto di aver fatto e detto cose orribili e deplorevoli durante la mia relazione – ha risposto Amber Heard a queste affermazioni. Mi sono comportata in modo orribile, quasi irriconoscibile per me stessa. Ho molti rimpianti. Continuerò sempre a sentirmi parte di questo, come se fossi l’altra metà di questa relazione, perché lo ero. Ed era brutto nonostante avrebbe potuto essere molto bello, era molto, molto tossico. Eravamo orribili l’uno con l’altra. Sai, ho fatto moltissimi errori. Molti errori. Ma ho sempre detto la verità.

In un altro segmento, la Guthrie parla degli spettatori che erano “disgustati” dal processo e che “non hanno molta simpatia” per nessuno dei due. Chiedendo ad Amber Heard se può capire questa prospettiva, l’attrice risponde:

LEGGI ANCHE:  "Amber Heard è radioattiva anche per i suoi amici", dice un Insider

Assolutamente. Non incolperei una persona media per aver guardato questo processo e come è stato coperto mediaticamente e pensare che siano i marmocchi di Hollywood al loro peggio.

In un altro segmento dell’intervista rilasciato qualche giorno fa, la Heard ha definito il processo ingiusto.

Non mi interessa cosa si pensa di me o quali giudizi si vuole dare su ciò che è successo nell’intimità della mia stessa casa, nel mio matrimonio, a porte chiuse. Non presumo che la persona media dovrebbe sapere queste cose. E quindi non lo prendo sul personale. Ma anche qualcuno che è sicuro che mi merito tutto questo odio e vetriolo, anche se pensa che sto mentendo, non potrebbe comunque guardarmi negli occhi e dirmi che pensa che sui social media ci sia stato un’equa rappresentazione. Non potrebbe dirmi che pensa che sia stato giusto.

Che ne pensate?