Depp vs Heard: parla l’investigatore dell’attrice

Paul Barresi, investigatore assunto da Amber Heard nel processo contro Johnny Deppm, ha scritto un libro per raccontare la sua verità

Condividi l'articolo

La vicenda che vede protagonisti Johnny Depp ed Amber Heard fa ancora discutere

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa e iscrivetevi al nostro canale WhatsApp

Il processo che ha visto di fronte Johnny Depp ed Amber Heard continua ad avere strascichi. Nel giugno del 2022 infatti, una giuria di Fairfax, in Virginia, ha condannato l’attrice a pagare 10 milioni di dollari alla star di Pirati dei Caraibi ritenendola colpevole di diffamazione nei suoi confronti (qui i dettagli). Prima di questo evento, i due ex coniugi si erano già visti in tribunale nel Regno Unito dove Depp aveva fatto causa, perdendo, al Sun che lo aveva definito picchiatore di mogli. Sebbene sia passato diverso tempo da quei giorni, la storia continua a far discutere.

Paul Barresi infatti, investigatore privato che afferma di essere stato assunto dagli avvocati di Amber Heard per trovare prove contro l’ex marito durante il famoso processo, ha scritto un libro Johnny Depp’s Accidental Fixer, nel quale ha raccontato la sua verità.

LEGGI ANCHE:  Amber Heard contrattacca: chiesti 100 milioni a Johnny Depp per Diffamazione

Nel libro, Barresi ha rivelato di essere stato incaricato di raccogliere qualsiasi prova che potesse mettere l’attore in cattiva luce. Tuttavia le affermazioni contenute nel libro includono citazioni che descrivono l’attore come un “gentiluomo tra i gentiluomini” che non aveva “un briciolo di cattiveria in corpo”.

Quando Barresi si è rivolto agli amici di Depp, questi hanno descritto l’attore come una persona che provava “rispetto e adorazione per le donne”. Barresi è stato assunto dal team legale di Heard nel 2019, ma non ha specificato a quale processo per diffamazione di Depp avesse lavorato. Ha detto che gli è stato solo ordinato di “indagare sulla vita e la storia di Johnny Depp per scoprire prove del suo presunto abuso fisico verso le donne”.

Attraverso questo viaggio, ho voluto onorare la nostra comune umanità, facendo luce sull’uomo dietro i miti e offrendo una narrazione fondata su autentica comprensione e compassione.

Che ne pensate?