Johnny Depp ricorda la drammatica malattia della figlia

Johnny Depp, in occasione del compleanno della figlia,

Johnny Depp
Condividi l'articolo

Johnny Depp, attore, regista, musicista e produttore cinematografico americano, è attualmente impegnato in un processo che sta consumando la maggior parte delle sue energie: finalmente, però ha preso in mano la situazione e sta controbattendo, punto per punto, alle accuse di Amber Heard, che tra l’altro si è detta parecchio umiliata da questo scontro giudiziario.

Mettendo da parte, per il momento, queste vicende, oggi la figlia maggiore dell’artista ha compiuto 23 anni e in occasione del compleanno, è opportuno ricordare una storia che pochi conoscono. Come riportato da CheatSheet, infatti, la diva ha rischiato di morire all’età di 7 anni a causa di un’infezione mentre Johnny Depp era impegnato a Londa con le riprese di Sweeney Todd. Dopo giorni tra la vita e la morte, per fortuna la giovane riuscì a sopravvivere, ma nonostante questo l’attore ricorda tutto questo con molto dolore e lucidità.

Johnny Depp

Con lei sono molto protettivo perché ho già rischiato di perderla una volta. Aveva 7 anni e un’infezione la portò a rischiare la vita. Era il periodo in cui ero a Londra per girare Sweeney Todd, in ospedale ci dissero che non era certo che riuscisse a sopravvivere. Per nove giorni restammo seduti accanto al suo letto e non muovemmo fino a quando non fu fuori pericolo. È stato il periodo più buio della mia vita. Lei mi dice tutto e siamo super in sintonia, sono molto orgoglioso del nostro rapporto. Non mi importa quanto crescerà, io non smetterò mai di preoccuparmi per lei. Ha la testa sulle spalle, mi fido, conduce una vita responsabile, ma arriverà mai il giorno in cui spegnerò la luce“.

LEGGI ANCHE:  "Amber Heard ha colpito con un pugno in faccia Depp", dice il bodyguard

Che dire? Delle parole molto toccanti ed emozionanti di Johnny Depp ed è bello sentire quanto affetto lo lega alla sua primogenita che nel corso della sua vita ha dimostrato un talento innato per la recitazione.