La reazione di Depp quando un testimone chiede se Brando sia morto

Il dottor David Spiegel sul banco dei testimoni ha chiesto se Marlon Brando fosse morto, scatenando la reazione di Johnny Depp

pirati dei caraibi, johnny depp
Condividi l'articolo

Prosegue a Fairfax, in Virginia, il processo per diffamazione che vede di fronte Johnny Depp ed Amber Heard. Sul banco dei testimoni durante l’ultima seduta è salito lo psichiatra David Spiegel, chiamato come esperto dall’attrice di Aquaman per spiegare come il fatto che Depp usasse l’auricolare sul set fosse un segno di declino o menomazione causata dall’uso di droghe e alcol.

Se dovessi tenere una lezione e dovessero suggerirmi le mie battute, penserei che ci sia un deficit cognitivo – ha spiegato

Ha detto che pensava che l’uso dell’auricoalre fosse “insolito“, ma ha ammesso: “Non so quale sia lo standard per Hollywood”. 

Quando l’avvocato di Depp Wayne Dennison ha chiesto se Spiegel avesse commesso un ‘errore‘, ha risposto:

Non credo che agli attori venga abitualmente letta la loro intera sceneggiatura attraverso gli auricolari. Lo trovo difficile da credere. 

L’avvocato ha dunque ribattuto affermando che non c’erano prove per dimostrarlo, chiedendo: “Sa che Marlon Brando usava un auricolare?”

La risposta dello psichiatra ha tuttavia lasciato tutti di stucco portando lo stesso Johnny Depp a mettersi una mano davanti al visto per coprirsi dall’imbarazzo.

LEGGI ANCHE:  Johnny Depp contro Amber Heard: "Come pensate abbia ottenuto il ruolo?"

È morto? – ha chiesto il dottore

Sentendo le risatine in aula, Spiegel ha aggiunto: “Quindi la risposta è no, non ne usa uno ora”

L’avvocato di Depp ha quindi chiarito: “No… ho usato il passato”. 

Scusandosi, Spiegel ha continuato:

Ancora una volta, non so nulla – ammetto che non so nulla di recitazione. Ti concederò il 100 percento. Se questo è lo standard e le persone fanno questa cosa, allora mi scuso e questo è stato sbagliato da parte mia. 

All’inizio della sessione, Spiegel è stato anche interrogato dall’avvocato di Amber Heard, Elaine Bredehoft, che gli ha chiesto di commentare il profilo psicologo di coloro che hanno subito e perpetrato la “violenza intima del partner” (IPV) e se fossero coerenti o meno con il comportamento di Johnny Depp.

Spiegel ha spiegato di aver curato migliaia di pazienti, il 75% dei quali ha avuto problemi di abuso di sostanze. 

Che ne pensate di questa gaffe?

LEGGI ANCHE:  Johnny Depp: cocaina e whisky a colazione, le foto di Amber Heard [Foto]
In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.