Amber Heard non mostrava segni di violenza, spiega la poliziotta [VIDEO]

L'agente di polizia Melissa Saenz ha testimoniato al processo tra Amber Heard e Johnny Depp, negato le affermazioni dell'attrice

amber heard
Condividi l'articolo

Nel maggio del 2016 l’ufficiale della polizia di Los Angeles Melissa Saenz ha risposto ad una chiamata proveniente dall’attico di proprietà di Johnny Depp e di Amber Heard. L’attrice aveva affermato che l’ex marito l’avesse colpita con un telefono sul viso prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. Una settimana dopo avrebbe chiesto il divorzio e poi avrebbe ottenuto un’ordinanza restrittiva. Tuttavia l’agente, ascoltata ieri durante il processo per diffamazione che si sta svolgendo tra le due star, ha negato questa possibilità.

Interrogata dall’avvocato di Heard, Elaine Bredehoft, Saenz ha detto:

Non l’ho identificata come vittima di violenza domestica.

Il legale ha poi chiesto se la Saenz avesse visto dei lividi visibili sul viso di Amber Heard correlati alle sue affermazioni sulla violenza fisica di Depp.

LEGGI ANCHE:  Amber Heard ha accusato Johnny Depp di violenza sessuale

No, non li ho visti – ha risposto l’agente

Qual è la tua percezione del rossore sulla guancia e sulla palpebra e sopra il sopracciglio? – ha rincarato dunque l’avvocato Bredehoft

È coerente con il suo pianto: ha la pelle chiara, il viso è arrossato – ha risposto la Saenz

Non pensi che sia coerente con un telefono cellulare lanciato contro di lei? – ha chiesto quindi il legale

L’agente ha quindi ribadito la sua convinzione che l’arrossamento del viso dell’attrice fosse dovuto al pianto.

Non sembra un infortunio causato da un telefono cellulare. È coerente con qualcuno che piange

La Bredehoft ha dunque chiesto:

Se avessi visto segni di ferite su Amber Heard o anche solo danni alla proprietà, saresti stata obbligato a fare una denuncia?”

Esatto – ha detto la Sarnz.

L’avvocato ha quindi chiesto se avesse notato danni alla proprietà nell’appartamento, ma l’ufficiale ha detto che non riusciva a trovare prove a sostegno delle affermazioni di Heard.

LEGGI ANCHE:  Amber Heard rincara la dose: "Depp mi ha violentata con una bottiglia"

Ora, il tuo ricordo sulla presenza di danni all’appartamento – continua il legale – hai perquisito l’intero appartamento e non c’erano danni, vetri rotti o qualcosa di fuori dall’ordinario, sei d’accordo?

Esatto – ha ripetuto l’agente

Poco prima della deposizione dell’ufficiale Saenz, la psicologa forense Shannon Curry, assunta dagli avvocati di Johnny Depp, ha rilasciato una testimonianza fornendo la sua analisi della salute mentale di Heard, identificando in lei un disturbo della personalità (qui i dettagli).

Che ne pensate?