Alt-J – Breezeblocks: significato e traduzione del classico indie [VIDEO]

Breezeblocks
Condividi l'articolo

L’amore disperato e terrificante cantanto dagli Alt-J

Sono passati tanti anni dall’uscita del primo, storico album degli Alt-J, ma Breezeblocks rimane di certo ancora la loro canzone più famosa. Un brano indie rock vecchio stile con una base di elettronica sottile e scheletrica che fa da controcanto alle immagini e all’atmosfera “glaciale” che i suoni esprimono.

Il pezzo canta di un amore morboso, tossico (con tanto di numerosi riferimenti chimici) e distruttivo che svela tutte le peggiore sfaccettature che possono dipingere una relazione uscita dai binari. Attraverso metafore complesse e tenebrose, le liriche raccontano gli sforzi di un amante che disperatamente cerca di tenere la sua amata accanto a sé. Ad ogni costo.

She may contain the urge to run away
But hold her down with soggy clothes and breezeblocks
Cetirizine, your fever’s gripped me again
Never kisses, all you ever send are fullstops (La la la la)

“Lei potrebbe contenere l’urgenza di correre via
Ma trattenerla con vestiti fradici e blocchi di cemento
Cetrizina, la tua febbre mi ha afferrato ancora
Mai baci, tutto quello che invii sono punti e basta”

Già dalla prima strofa, il testo si rivela molto sottile. Il protagonista, un uomo disperato in una relazione che sta per finire, è già disposto a far del male alla sua amata oltre ogni limite pur di non farla andare via, al punto da massacrarla con un blocco di cemento e lasciarla a morire nell’acqua della vasca da bagno.

LEGGI ANCHE:  Alt-J - Il significato truculento della canzone Fitzpleasure

L’uomo è dipendente da lei come lo potrebbe essere chi, soffrendo di allergie, assuma cetrizina, l’ingrediente principale del Zyrtec, un noto farmaco antistaminico. Come potrebbe sopravvivere senza? Ma la prova che l’amore sta svanendo già c’è: quando gli scrive, l’amata non invia all’uomo messaggi che terminano con baci (in lingua inglese rappresentati da una x), ma soltanto punti per chiudere le frasi.

Do you know where the wild things go?
They go along to take your honey (La la la la)
Break down, now weep, build up breakfast
Now let’s eat, my love, my love, love, love (La la la la)

“Lo sai dove vanno le Creature Selvagge?
Vengono a prendersi il tuo miele
Litighiamo, dormiamo, prepariamo la colazione
Ora mangiamo amore mio, amore mio”

Gran parte del testo è ispirato al famoso romanzo Nel Paese delle Creature Selvagge (Where the Wild Things Are) di Maurice Sedak, uscito nel 1963. Nelle liriche della canzone le “creature selvagge”, mostri immaginari nel racconto originale, potrebbero essere altri uomini ben più “interessanti” (e perciò, per il protagonista, spaventosi) che attirano la ragazza via da lui, mirando al suo “miele”.

LEGGI ANCHE:  Alt-J - REDUXER è una inaspettata gemma crossover hip-hop

Questo porta ad un ciclo di litigi probabilmente causati dalla gelosia, che si concludono sempre con il sonno, la colazione all’inizio della giornata successiva e l’altro capo di un nuovo loop tossico. L’uomo protagonista vive malissimo questa situazione, con una serie di sensazioni fisiche che contrastano con il forte sentimento provato per la sua lei.

Muscle to muscle and toe to toe
The fear has gripped me, but here I go
My heart sinks as I jump up
Your hand grips hand as my eyes shut
And I, ah-ah-ah-ah

“Da muscolo a muscolo e da alluce ad alluce
La paura mi ha invaso ma ecco che vaso
Il mio cuore affonda mentre salto su
La tua mano mi afferra quando i miei occhi si chiudono”

Il ritornello descrive queste violente sensazioni e suggerisce il compimento di un estremo gesto nel quale, come se non bastasse, l’uomo sembra voler portare l’amata con sé (contro la sua volontà, ovviamente). Un gesto che nella sua mente apparirà disperatamente romantico ma che è in realtà distruttivo e violento.

Continua a pagina 2!