Ian McKellen: “Ruoli gay per attori gay? Non ha senso, stiamo fingendo”

Parlando con BBC, Ian McKellen ha spiegato di ritenere insensato che ruoli gay siano esclusivi di attori gay e viceversa

Ian
Condividi l'articolo

Ian McKellen è da sempre una delle iconiche della comunità LGBTQ all’interno del mondo dello spettacolo. Tuttavia il volto di Gandalf ritiene insensato che i ruoli rappresentanti personaggi omosessuali siano ad esclusiva disponibilità degli attori omosessuali. Il discorso è nato, durante una lunga intervista su BBC, parlando della polemica scatenatasi attorno alla scelta fatta di assegnare il ruolo di Golda Mier, Primo Ministro israeliano, a Hellen Mirren che non è ebrea.

Ci sono due cose dire, Primo: il discorso secondo il quale un non ebreo possa interpretare un ebreo significa quindi che un ebreo non può interpretare un non ebreo? E quindi, Il discorso secondo cui un uomo etero non può interpretare una parte gay, significa che io non posso recitare parti etero e non mi è permesso esplorare l’affascinante tema dell’eterosessualità in Macbeth ? Certo che no. Stiamo recitando. Stiamo fingendo.

Secondo: Siamo davvero in grado di capire cosa significa essere ebrei? Siamo in grado di convincere un pubblico ebraico che siamo ebrei? A questo non so rispondere ma forse non ne abbiamo bisogno perché stiamo solo recitando

L’argomento degli attori etero che interpretano personaggi LGBTQ e viceversa è stato a lungo un dibattito a Hollywood, con molti artisti che recentemente si sono occupati della questione.

LEGGI ANCHE:  Morto Carlo Sabatini, addio al doppiatore di Ian McKellen

Nel gennaio 2021, Neil Patrick Harris parlando con The Times, aveva spiegato di ritenere sexy il fatto che un attore eterosessuale interpreti un ruolo gay.

Come attore speri sempre di poter essere un’opzione validata per tutti i tipi di ruoli diversi –aveva detto. Ho interpretato un personaggio per nove anni che non era per niente come me – riferendosi ovviamente a Barney Stinson. Penso che ci sia qualcosa di sexy nel scegliere un attore etero per interpretare un ruolo gay, a patto che sia disposto a investire molto in quella parte. C’è un nervosismo che deriva dalla novità di tutto questo. Dichiarando che non lo faresti mai, potresti perdere delle opportunità.

Cosa ne pensate di queste parole di Ian McKellen?