Nightmare Alley, Scorsese: “Andate a vederlo, Del Toro merita supporto”

Attraverso un lungo editorale sul Los Angeles Times, Martin Scorsese ha invitato tutti ad andare a vedere Nightmare Alley di Del Toro

nightmare alley, scorsese
Credits: Wikipedia/ Siebbi
Condividi l'articolo

Tra pochi giorni arriverà al cinema Nightmare Alley, nuova fatica di Guillermo Del Toro (qui il trailer). Il film è stato rilasciato da qualche giorno negli States ma non sta ottenendo un grande riscontro. A cercare di aiutare il cineasta messicano è arrivato niente meno che Martin Scorsese che, sulle pagine del Los Angeles Times, ha lanciato un accorato appello alle persone per spingerle ad andare a vederlo.

Qualche settimana fa, ho visto Nightmare Alley di Guillermo del Toro. Sono rimasto colpito e commosso. Non vedo l’ora di guardare qualsiasi altra cosa faccia Guillermo, ma questo particolare film ha avuto un potere e una risonanza speciali per me. Poi mi sono reso conto che le persone semplicemente non stavano andando a vederlo, il che è stato angosciante. Ovviamente, le ultime festività natalizie sono state un momento difficile per pubblicare qualsiasi film. Ma mi chiedo anche se ci sia un vero apprezzamento per il lavoro di Guillermo.

Scommetto che il termine “noir” è apparso nella maggior parte delle recensioni e dei commenti su Nightmare Alley e con buone ragioni. I personaggi sono tutti ossessionati, molti sono condannati e il film è basato su un romanzo con quella trama di trama labirintica e selvaggia che è un segno distintivo del film noir . Inoltre, il romanzo è stato già trasposto una volta, subito dopo la sua pubblicazione nel 1946, e la versione precedente diretta da Edmund Goulding è stata a lungo considerata un classico del genere.

Ma il termine “noir” è stato usato così spesso e in un modo così sfacciato che sembra più un sapore che altro. Potrebbe semplicemente portare qualcuno alla ricerca di informazioni sul film nella direzione sbagliata. Potrebbero aspettarsi un “pastiche” noir, di cui ce ne sono stati molti. Ciò non rende minimamente giustizia all’adattamento di Guillermo e Kim Morgan.

La maggior parte del film si svolge negli anni ’30, e sembra nascere dall’amarezza e dalla disperazione della depressione. Lo si percepisce nelle immagini e nel linguaggio del corpo degli attori. Tutti i personaggi di questo film provano un vero dolore, un senso di desolazione spirituale radicato nella vita di tutti i giorni. Questa non è solo una questione di “stile” o “visiva”, sebbene sia squisita come è il film stesso. Si tratta del completo impegno di Guillermo per il materiale, per dare vita alla sua visione con il suo scenografo, il suo costumista, il suo direttore della fotografia e il suo fantastico cast, guidato da Bradley Cooper e Cate Blanchett. Lavorano insieme per creare un universo senza uscita dal passato americano, e lo fanno dentro e fuori, in tutto e per tutto.

In questo senso, il film è fedele allo spirito che anima il cinema noir molto più dei tanti “omaggi” che sono stati fatti negli anni e che vengono fatti ancora oggi.. Guillermo sta certamente parlando da e verso il suo tempo, ma lo sta facendo nel linguaggio di un tempo passato, e l’urgenza e la disperazione di allora si sovrappongono all’urgenza e alla disperazione di adesso in un modo che è abbastanza inquietante. È come un campanello d’allarme. Inquietante, ma allo stesso tempo esaltante. Questo è ciò che l’arte può fare.

Se avete deciso di archiviare semplicemente Nightmare Alley sotto “noir” o qualche altra categoria, vi esorto a dare una seconda occhiata più da vicino. E se avete deciso di saltarlo del tutto, per qualsiasi motivo, vi prego di riconsiderare la vostra scelta. In sostanza, quello che sto cercando di dire è che un regista come Guillermo, che ci regala immagini realizzate con amore e passione, non ha solo bisogno del nostro supporto: se lo merita .

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  The Joker: la Warner vuole DiCaprio per il ruolo del villain