Garfield: “Mentire su No Way Home è stato stressante, ma divertente”

Intervistato da The Warp, Andrew Garfield ha parlato dello stress accumulato per mentire sulla sua presenza in Spider-Man: No Way Home

spider-man, andrew garfield
Condividi l'articolo

Andrew Garfield, fresco vincitore del Golden Globe per la sua performance in Tick, Tick… Boom! (qui l’elenco di tutti i vincitori), è recentemente tornato, insieme a Tobey Maguire, a indossare il cosume dell’Uomo Ragno in Spider-Man: No Way Home. La presenza dei due attori è rimasta segreta fino all’ultimo secondo e nell’arco dei mesi precedenti all’uscita, le due star hanno dovuto mentire più e più volte negando il loro coinvolgimento nel film. Parlando con The Wrap, Garfield ha parlato di questa cosa, definendola stressante, ma divertente.

È stato piuttosto stressante ma anche stranamente divertente. Ci sono stati momenti in cui pensavo: “Dio, odio mentire. Non mi piace mentire e non sono un bravo bugiardo”, ma ho continuato a vedere il tutto come un gioco. E ho continuato a mettermi nei panni di un fan di quel personaggio, il che non è difficile da fare. Mi sono messo in quella posizione e pensavo: “Vorrei saperlo? Vorrei essere preso in giro? Vorrei che mi mentissero? Vorrei continuare a chiedermi se questi attori ci sono oppure no?  Vorrei scoprirlo andando al cienma? 

La risposta a queste domande, ha detto, era chiara. 

LEGGI ANCHE:  Andrew Garfield: "Tom Holland sarebbe un ottimo presentatore degli oscar"

Vorrei che l’attore facesse un lavoro incredibilmente buono nel convincermi del fatto che non ci fosse nel film E poi vorrei perdere la testa al cinema quando il mio istinto si fosse rivelato corretto. Questo è quello che vorrei.

Andando avanti Garfield ha paragonato quest’esperienza ad un enorme partita a Lupus in fabula.

Come sa chiunque abbia giocato al gioco Lupus in fabula, se sei il lupo mannaro, sei triste perché sai che hai un paio d’ore stressanti davanti a te. Dovrai mentire spudoratamente ai tuoi amici e cercare di convincerli che non sei il cattivo nel gioco. Ma è stato emozionante, in realtà. Ho lavorato così duramente per mantenere il segreto mentre stavo girando ad Atlanta. Tutte quelle fughe di notizie mi facevano pensare: “Oh, mio ​​Dio, ragazzi, che diavolo sta succedendo? Sto lavorando così duramente per fare tutto in segreto, e poi ecco un’immagine di me con Tobey!” E loro: “No, no, terremo il segreto”. E io: “OK, continuerò a negarlo”

Sono stato felice di averlo fatto, ma è stato frutto di un duro lavoro da parte di tutti. Ovviamente ha dato alle persone una grande emozione al cinema, e cosa vuoi di più da un’esperienza cinematografica che porti un brivido? È stata un’esperienza strana giocare alla versione di massa di Lupus in fabula con ogni singolo fan di Spider-Man nel mondo. È stato incredibilmente divertente

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Spider-Man: No Way Home, il trailer rivela un dettaglio su Doc Ock [FOTO]