Chiara Ferragni attacca sul DDL Zan: “Governati da Pagliacci senza palle”

Su Instagram Chiara Ferragni ha commentato l'affossamento del DDL Zan attaccando il governo formato, per lei, da pagliacci

Chiara Ferragni
Chiara Ferragni in una delle scene finali di Chiara Ferragni Unposted
Condividi l'articolo

Nella giornata di ieri il DDL Zan, come saprete, è stato affossatto in Senato. Sul web sono partite ovviamente migliaia e migliaia di reazioni a caldo su quanto accaduto. Tra le più rumorose è arrivata quella di Chiara Ferragni che, su Instagram, ha attaccato in malo modo il Governo (qui la reazione di suo marito Fedez). L’influencer e imprenditrice ha postato infatti una storia riprendendo un post dell’avvocato Cathy della Torre, con il quale ha avuto parole dure nei confronti della forza politica attuale.

Screenshot 671 1

Ci sono riusciti – si legge nel posto originale. Hanno appena ucciso il DdL Zan. E con esso ogni speranza di diventare un paese normale, civile, che tutela le minoranze dai violenti e non, come da oggi continuerà ad essere, i violenti dalle sanzioni. Il Senato ha appena votato a maggioranza in favore della “tagliola”, cioè di quella procedura che esiste solo in Senato e che consente di evitare la discussione di una legge.

Lo hanno fatto. Hanno votato per impedire, dopo anni di discussioni, la discussione finale. L’ultimo passo. Quello che avrebbe portato a termine un cammino di civiltà che aveva superato tutti gli ostacoli. Tutti. Tranne questo. Che ha funzionato. Ha funzionato perché le destre, pur in minoranza, hanno potuto contare sulle assenze di Italia Viva. In primis di Matteo Renzi, oggi – pare – in Arabia Saudita.

E ha funzionato grazie al voto segreto. Che ha permesso a dei vigliacchi e ipocriti di uccidere a pochi centimetri dall’arrivo la migliore legge che l’Italia potesse avere per tutelare le vittime di omofobia. Hanno vinto loro. E fuori dall’aula, nel resto del Paese, hanno vinto i violenti, i picchiatori, gli odiatori, tutti coloro che temevano di dover pagare un prezzo più alto per i propri crimini.

Hanno vinto loro. Ha perso la civiltà. Oggi, per quel che mi riguarda, sarà sulla data del mio calendario, per sempre, come il giorno dell’infamia.

Che ne pensate di queste parole di Chiara Ferragni?

LEGGI ANCHE:  Il Codacons denuncia Chiara Ferragni e Baby K all'Antitrust: ecco perché