Robert De Niro: 5 Folli Aneddoti per 5 Ruoli iconici [LISTA]

Cosa significa "entrare nel personaggio"? Ce lo spiega Robert De Niro, con 5 aneddoti folli che ci raccontano la sua dedizione, passione e cura maniacale dei dettagli.

Robert De Niro
Condividi l'articolo

Robert De Niro è uno degli attori più influenti della storia?

Quando si parla di cinema, difficilmente si può rispondere ad una domanda del genere in maniera assoluta, “oggettiva”, risolutiva. Ma, controllando la filmografia di questo straordinario artista, abbiamo notato un particolare che ci piacerebbe sottoporre alla vostra attenzione.

Quanti attori o attrici hanno partecipato a così tanti film che sono diventati delle pietre miliari nei rispettivi generi? Non molti, il cerchio si restringe.

Per citarne alcuni:

  • Taxi Driver
  • Il Padrino – Parte II
  • C’era una Volta in America
  • Toro Scatenato
  • Il Cacciatore
  • Novecento
  • Quei Bravi Ragazzi

E la lista è ancora parecchio lunga…

Questa carriera non è frutto del caso, o (solamente) del talento, che certamente gioca un ruolo fondamentale. Dietro ci sono sacrifici, passione e una dedizione inimmaginabili. Non siete convinti? Beh, la Scimmia ha selezionato per voi 5 aneddoti; scelte folli che De Niro attuò per immedesimarsi al meglio nei personaggi che andò successivamente ad interpretare. Buon divertimento!

LEGGI ANCHE:  The Irishman, ecco le date d'uscita ufficiali: prima al cinema e poi su Netflix

1. Robert De Niro: un vero “Taxi Driver” per le strade di New York

Robert De Niro - Taxi Driver
Robert De Niro sul set di Taxi Driver

Se Taxi Driver è considerato uno dei film più influenti nella storia del cinema è anche grazie allo straordinario lavoro di Robert De Niro nei panni di Travis Bickle, un ex marine e veterano del Vietnam che lavora come tassista per le strade di New York City.

Per incarnare al meglio questo straordinario antieroe, l’attore americano ottenne addirittura la licenza da tassista. Chiunque svolga questa professione, conosce bene le difficoltà nel conseguire un risultato del genere.

De Niro lavorò per circa un mese, con turni di 12 ore, per immedesimarsi nel personaggio. Dichiarò che questa esperienza lo aiutò molto a comprendere cosa significhi sentirsi “invisibili”, abbandonati a sé stessi.

2. Il Toro del Bronx

Robert De Niro - Toro Scatenato
Toro scatenato, capolavoro di Martin Scorsese con sceneggiatura di Mardk Martin

In Toro Scatenato (Raging Bull), la performance di Robert De Niro è qualcosa di fenomenale, figlia di una preparazione minuziosa e massacrante.

Nel film del 1980 diretto da Martin Scorsese, “Bob” interpreta Jake LaMotta, un pugile italo-americano dal carattere brusco e paranoico, che raggiunse i vertici del pugilato prima di sprofondare nel dimenticatoio.

LEGGI ANCHE:  The devil in the White city: La serie TV di DiCaprio e Scorsese

Per interpretare il pugile dei pesi medi nel fiore degli anni si allenò intensamente con il vero Jake LaMotta per quasi un anno, facendo sessioni di sparring 1 vs 1 e guadagnando più di 10 kg di muscoli.

Era così dedito a diventare un pugile convincente che gareggiò in 3 incontri organizzati, vincendone 2. LaMotta rimase sbalordito dalla sua dedizione, e affermò che l’attore sarebbe stato un professionista di buon livello, se l’avesse voluto.

Per le riprese finali del film, De Niro mise a rischio la propria salute ingrassando di ben 27 kg per rappresentare al meglio il suo personaggio ormai invecchiato e sul viale del tramonto. A coronamento di tutti questi sforzi arrivò, nel 1981, la vittoria del secondo Premio Oscar della sua carriera.