PlayStation: Sony affronta una class-action per monopolio illegale

PlayStation 5
Credits: PlayStation / YouTube
Condividi l'articolo

Sony al centro della bufera a causa della vendita di giochi online

Un brutto momento per Sony: l’azienda giapponese è infatti accusata di monopolio e dovrà ora affrontate una class-action. Il motivo? La scelta di vendere i propri giochi in versione digitale solo sul proprio store online, senza affidarsi a terze parti. Questo consentirebbe all’azienda, secondo chi intenta la causa, di gonfiare i prezzi a dismisura. Una faccenda che sta destando preoccupazione.

Si afferma infatti che acquistando un gioco online dal PlayStation Store si potrebbe in alcuni casi arrivare a pagare addirittura il 175% in più rispetto a quanto comporterebbe una spesa per la copia fisica del gioco. Va da sé che l’acquisto online dei giochi è sempre più diffuso, in quanto molti preferiscono avere subito il gioco pronto dopo un semplice download.

La causa vorrebbe quindi spingere Sony a mettere in vendita i propri prodotti anche tramite altri distributori, per creare un sistema commerciale più equo. Due anni fa, quando Sony aveva chiuso la vendita dei suoi giochi a terze parti, la motivazione era stata: “La decisione è stata presa per allineare globalmente i business chiave”.

LEGGI ANCHE:  Netflix e Sony firmano accordo per la distribuzione dei film dal 2022

Sony rappresenta, con la console PlayStation, uno dei nomi chiave nell’industria videoludica mondiale. Sul mercato da quasi trent’anni, l’azienda compete storicamente con Nintendo e con Microsoft, che le oppone la famosa Xbox. Per un periodo tra i rivali c’era stata anche la console Sega, ora scomparsa dalla competizione.

Fonte: gamesindustry.biz

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Gioca, la Scimmia fa.

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.