Scarlett Johansson sul ruolo degli attori nella società

Scarlett Johansson parla del ruolo di attori e attrici nella società di oggi

Scarlett Johansson
Condividi l'articolo

Scarlett Johansson sostiene che le sue convinzioni personali non dovrebbero interferire con la sua carriera come attrice

“Non penso che gli attori siano obbligati ad avere un ruolo nella società“. A dirlo è Scarlett Johansson, la quale sostiene che l’importanza di una figura pubblica come la sua non dovrebbe necessariamente prestarsi ad una inclinazione politica o ideologica. E afferma chiaramente pure questo, rivolta a sé stessa: “Non hai scelto di essere un politico, sei un’attrice”.

Naturalmente il problema si pone eccome, specie di questi tempi. L’anno scorso, durante lo scontro per la presidenza tra Donald Trump e Joe Biden, sono stati per esempio ben in pochi a non schierarsi da una parte o dall’altra. Ma la Johansson pare decisa a sostenere la propria ignavia: “Il mio lavoro è di riflettere le esperienze della vita ed essere uno specchio”.

In un’intervista con Gentlewoman spiega che il suo scopo è solo quello di connettersi con il pubblico e fargli “sentire qualcosa”. Non, in altre parole, di dirgli che cosa pensare. “Hanno una reazione emotiva: buono, cattivo, imbarazzato, incoraggiato, eccetera. Quello è il mio lavoro. Il resto non è il mio lavoro” dice l’attrice di Black Widow.

LEGGI ANCHE:  Ghost in the Shell: pubblicata una locandina e un nuovo teaser

Tuttavia, per quanto ci provi, la Johansson non riesce (come molti altri personaggi pubblici in quest’era) a stare lontano dalle polemiche. Non si parla esattamente di politica, ma la sua difesa del contestato Woody Allen ha fatto molto parlare. Così come, peraltro, la sua decisione di interpretare un uomo transgender nel 2018. Insomma, difficile non restarci invischiati.

Fonte: Insider