Quando Mia Khalifa ricevette minacce di morte dall’ISIS

Mia Khalifa torna sul terribile periodo dello scandalo che la contrinse a lasciare il porno

Mia Khalifa
Credits: BBC HARDtalk
Condividi l'articolo

I motivi dietro il ritiro di Mia Khalifa dall’industria pornografica e il “peggior periodo” della sua vita

Sono passati anni dalla breve attività intrapresa da Mia Khalifa nel mondo del porno, ma la figura dell’attrice è ancora oggi ben impressa nella memoria collettiva. Specialmente, molti non se ne ricordano neppure, per via del controverso video nel quale si esibì in atti sessuali indossano un hijab, indumento tradizionale delle donne islamiche.

Fu proprio quel video a scatenare un’estrema curiosità attorno a lei e, nello spazio di tre mesi, fu sempre quello a convincerla ad abbandonare il porno. Questo per una ragione per precisa: la Khalifa era stata minacciata di morte dall’ISIS. Il famigerato gruppo terroristico all’epoca imperversava con video di terribili decapitazioni e altri crimini indescrivibili.

Di quel periodo la Khalifa torna a parlare come del “peggiore della mia vita”. “Non so dov’ero [subito dopo lo scandalo]” dice l’ex-pornostar. “Avevo iniziato a dissociarmi e fare finta che [quel]le cose non fossero successe fino al punto da non parlare di pornografia per i tre anni successivi. Mi ero semplicemente zittita e non ne parlavo mai”.

LEGGI ANCHE:  Mia Khalifa sommersa di critiche per l'abito da sposa [VIDEO]

“Non posso semplicemente infilare le cose sotto il tappeto e sperare che vadano via, non funziona così. Devi affrontarle a testa alta e parlarne” continua la Khalifa, oggi attiva con un account OnlyFans. “La sensazione è quella di ‘Non voglio parlare perché non voglio portare attenzione alla cosa’, ma ho bisogno di parlarne”.

“Ho bisogno di spiegarmi come mai tutti continuano ad interpretare male l’intera faccenda, è quel comma 22 del non volerla ri-tirare fuori ma di doverlo fare perché è l’elefante nella stanza dovunque vai” dice. Già in passato l’attrice ha specificato di non aver guadagnato alcunché dai proventi del video incriminato.

Parlando della sua vita una volta che il video era diventato virale, costringendola a nascondersi, descrive l’appartamento in cui viveva, dice: “Era disgutoso, pessimo. Era infestato dagli scarafaggi. Era il peggior periodo della mia vita“. Di recente la Khalifa è apparsa come attrice, non a luci rosse, nella serie Ramy: sua prima attività come attrice non-pornografica.

LEGGI ANCHE:  Simpatizzanti Lega indignati per attivista aggredita, ma è Mia Khalifa

Fonte: LAD Bible