Tarantino paragona una scena di CUVAH a Il Silenzio degli Innocenti

Quentin Tarantino ha paragonato la scena del Ranch di C'era una volta a...Hollywood col climax finale de Il Silenzio degli Innocenti

tarantino, c'era una volta a hollywood, il silenzio degli innocenti
Condividi l'articolo

Quentin Tarantino, ospito del podcast della rivista Empire, ha parlato della scena del Ranch del suo C’era una volta a…Hollywood, paragonandola al climax finale di Il Silenzio degli Innocenti (qui il trailer della serie sequel del film, Clarice), capolavoro di Jonathan Demme del 1991. Il cineasta di Knoxville ha spiegato come quella sequenza sia una delle cose ​​migliori che io e il mio team abbiamo mai realizzato.

Il regista de Le Iene ha spiegato come, secondo lui, quella scena abbia più “terrore” rispetto all’altro film preso in esame ma meno “suspance”.

C’è una differenza tra suspense e terrore – ha detto Tarantino. La suspense è l’ansia di ciò che accadrà. Il terrore è quando hai paura di sapere esattamente cosa succederà e non vuoi vederlo. Tu pensi al peggio. Non pensavo che Jodie Foster sarebbe morta. A quel punto del film, sarei stato sorpreso se fosse finito con Buffalo Bill che uccide Jodie Foster. Ho visto troppi film per pensare che sarebbe successo. Sono stato preso dal momento, ma avevo ancora un cervello da film in corso.

Uno dei motivi per cui la scena del ranch funziona così efficacemente è che Cliff potrebbe morire. Narrativamente, dal punto di vista del film, in ogni modo e forma, non solo potrebbe morire in quella sequenza, ma drammaticamente potrebbe anche avere senso che muoia. Quando guardi il film con un pubblico per la prima volta, ottieni qualcosa che penso sia molto difficile da ottenere in un film – ha continuato Tarantino. Ottiene il terrore; il pubblico è terrorizzato per Cliff. L’aria nel teatro cambia. Tutti diventano inchiodati e sono sinceramente spaventati.

Cosa ne pensate di queste parole di Quentin Tarantino?

LEGGI ANCHE:  I 10 migliori personaggi interpretati da Robert De Niro