Whole Lotta Red: il regalo di Playboi Carti

Recensione dell'attesissimo secondo LP di Playboi Carti

whole lotta red playboi carti kid cudi kanye west future
Screenshot dal video "Playboi Carti ft. Kid Cudi - M3tamorphosis (Official Video)"
Condividi l'articolo

Un Natale “tutto in rosso” con Playboi Carti

Difficile fare di meglio dopo che, solamente due anni fa, il mumble rapper originario di Atlanta si era guadagnato il rispetto di tutta la scena con il suo primo lavoro in studio, il già classico “Die Lit“. Eppure, anche dopo tutto l’hype generato, Playboi Carti sembra essere riuscito nell’impresa.

Se Die Lit era ambizioso ed interessante, “Whole Lotta Red” lo è persino di più, poiché si prende il grande rischio di risultare monotono, portando ben 24 tracce originali (5 in più del precedente) e limitando i featuring (sulla carta) a solamente a tre – importantissimi – nomi (Kanye West, produttore esecutivo dell’album, in veste di trapper su “Go2DaMoon“, Kid Cudi, che ha appena concluso la trilogia di “Man on the Moon“, e Future, sicuramente il nome con i numeri più alti della scena trap del momento).

Nonostante ciò, Carti riesce a tenere alta l’attenzione traccia dopo traccia – anzi, più si va avanti, più queste diventano sperimentali e trascinanti – grazie al suo flow adrenalinico e versatile e alla sua sicurezza, punto forte dell’interessantissimo personaggio che l’artista si è costruito in decisamente poco tempo. Questa volta, infatti, il rapper sembra puntare quasi completamente sull’attitude, più che sui testi, i quali avevano comunque la loro importanza prima.

LEGGI ANCHE:  Kanye West e oltre: dieci famosi musicisti che si sono dati alla politica

“Sono pronto. Sono più pronto di tutti voi. Sto cercando di dimostrare a questa gente che so rappare. Che ho le barre. È questo che voglio fare con ‘Whole Lotta Red’.”

whole lotta red playboi carti meh kanye west
Screenshot dal video “Playboi Carti – @ MEH (Official Video)”

Enorme il lavoro di beat-making, che ha impegnato più di una decina di produttori, e altrettanto di qualità il mastering, che riesce ad incastrare eccellentemente anche i beat più vari rendendo il disco coesivo e scorrevole. Tuttavia, sono le T con i più vecchi produttori di Carter, Art Dealer e Pi’erre Bourne, che risultano quelle più efficaci e che facilitano il confronto con Die Lit, rendendo evidente l’evoluzione stilistica del rapper. Una menzione d’onore va senz’altro riservata al singolare brano di chiusura, “F33l Lik3 Dyin“, contenente un inaspettato campionamento di “iMi“, dall’ultimo disco di Justin Vernon (Bon Iver).

Insomma, il regalo di Natale di Playboi Carti rappresenta certamente un continuo più che degno per la carriera del rapper – diventato ormai una vera e propria icona (musicale e stilistica) – nonché un disco estremamente maturo per un’artista ancora al suo secondo lavoro, e costituisce senza dubbio uno dei dischi più importanti dell’intera storia della trap, arrivando quasi al pari di uscite come “Rodeo” di Travis Scott per impatto mediatico, carattere e qualità.

Playboi Carti – Whole Lotta Red / Anno di pubblicazione: 2020 / Genere: Trap

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.

LEGGI ANCHE:  Kanye West sta scrivendo un libro di filosofia