Brad Pitt e le serate al cinema con David Fincher: “Borbotta di continuo”

Durante un'intervista col Times, Brad Pitt e Steven Soderbergh hanno racconto la loro esperienza col perfezionismo di David Fincher

Brad Pitt
Fight Club
Condividi l'articolo

Brad Pitt è uno degli attori preferiti di David Fincher. Col regista di Denver l’attore ha infatti lavorato in ben 3 film, Seven (qui 6 curiosità a tema), Fight Club e Il Curioso Caso di Benjamin Button. I due sono anche ottimi amici fuori dal set e si incontrano spesso per vedere dei film insieme.

In un’intervista al New York Times sia lui che Steven Soderbergh, altro grande amico di Fincher, hanno racconto la loro esperienza col perfezionismo del regista di Mank (qui il trailer).

È uno dei più divertenti stron** che abbia mai incontrato – ha spiegato Brad Pitt. Borbotta per tutto il tempo: “Quella ripresa funziona. Questo è un cattivo passaggio. Perché dovresti inserire il dettaglio del guanto lì? Stabilizza!’ È come guardare una partita di football con Bill Belichick

Soderbergh ha invece raccontato un’esperienza diversa, riguardante il lavoro sul campo di Fincher. Il regista aveva infatti invitato l’amico nello studio di montaggio durante la post-produzione del film Panic Room del 2002. In qual caso, l’ossessivo perfezionismo dell’amico l’ha mandato letteralmente fuori di testa.

LEGGI ANCHE:  10 curiosità su: "Snatch"

David aveva un puntatore laser e stava girando intorno a questa sezione di un muro nella parte superiore del frame, dicendo:” È un quarto di stop troppo luminoso ” – ha detto Soderbergh. Ho dovuto lasciare la stanza. Sono dovuto uscire e fare dei respiri profondi, perché ho pensato: “Oh, mio ​​Dio, ma fa così tutto il tempo? Ovunque? Non ce la farei”

Cosa ne pensate?

Continua a seguirci sulla nostra pagina Facebook Ufficiale LaScimmiaPensa.com per altre news, recensioni e approfondimenti sul mondo del cinema e delle serie tv!